In occasione dell’appuntamento annuale dell’Associazione Italiana per la Ricerca Industriale, la “Giornata Airi per l’innovazione industriale”, a Roma, dove vengono discussi temi di rilevanza strategica per lo sviluppo tecnologico e l’innovazione, sono stati presentati i risultati della prima edizione del bando per le “Borse di Studio Renato Ugo 2021”, sponsorizzate da AIRI, Farmindustria, Fondazione Bracco per i giovani e Fondazione Silvio Tronchetti Provera.

La Prof.ssa Maria Cristina Messa, Ministra dell’Università e della Ricerca, ha premiato i cinque giovani vincitori della prima edizione, tra questi anche la Dott.ssa Sofia Selmi di Unimore.
In questa occasione la neolaureata dell’Ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avuto la possibilità di presentare il proprio lavoro di tesi svolto presso il laboratorio di “Drug Delivery and Targeting” del Dipartimento di Scienze della Vita di Unimore, diretto dalla Prof.ssa Eliana Leo, in collaborazione con PerFormS srl, startup innovativa operante nel settore delle Scienze della Vita, guidata dalla dott.ssa Eleonora Maretti, CEO dell’azienda.

Le Borse di Studio Renato Ugo 2021 nascono dalla volontà di favorire lo scambio e la contaminazione di competenze tra mondo universitario e industriale e per delineare percorsi formativi che riescano a rispondere alle esigenze di un mondo del lavoro in continua trasformazione.

Il premio consiste nell’assegnazione di una borsa di studio del valore di 5mila euro, per studenti iscritti all’Anno Accademico 2020/2021 dell’ultimo anno dei Corsi di Laurea Magistrale delle Università italiane, che abbiano svolto una tesi di laurea sperimentale indirizzata alla ricerca industriale nelle seguenti aree disciplinari: Chimica e Chimica Industriale, Scienze dei Materiali, Biotecnologie Industriali, Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, Chimica fine e delle specialità.

“Il premio intitolato a Renato Ugo, ricevuto dalla nostra laureanda Sofia Selmi – dichiara la Prof.ssa Eliana Leo, responsabile del Laboratorio di Drug delivery and Targeting del DSV – dimostra che i giovani che prepariamo nei Corsi di Studio di Area Farmaceutica del Dipartimento di Scienze della Vita sono sempre pronti a raccogliere le sfide legate allo sviluppo di idee innovative. L’entusiasmo nel lavoro e la capacità di applicare le conoscenze acquisite hanno portato a questo riconoscimento nazionale, attribuito dopo una selezione tra 170 candidature e assegnato direttamente dalla Ministra dell’Università e della Ricerca, prof.ssa Messa. Non posso che essere orgogliosa di questo risultato”.

“Il progetto di PerFormS – spiega la dott.ssa Eleonora Maretti, CEO della startup – di sviluppare un nuovo farmaco efficace contro la psoriasi, patologia diffusa e di grande impatto sociale, è molto ambizioso. La dedizione e l’impegno con cui i laureandi, Sofia in particolare, prendono parte al progetto durante il loro internato di tesi, sono un valore aggiunto e offrono spesso spunti interessanti nello sviluppo del progetto stesso. Quando poi il loro ed il nostro lavoro viene premiato, come in questo caso, siamo ancora più orgogliosi del percorso che stiamo seguendo”.

Sofia Selmi, nata a Modena nel 1997 ha appena conseguito, in corso e a pieni voti, la laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche presso il Dipartimento di Scienze della Vita di Unimore.

Eliana Leo è Professoressa associata di “Tecnologia Farmaceutica” presso il Dipartimento di Scienze della Vita, responsabile del laboratorio di “Drug delivery and targeting” e co-founder della start-up PerFormS.

La sua attività di ricerca è incentrata sullo sviluppo di sistemi micro e nanoparticellari finalizzati a risolvere problemi di mancata selettività o bassa biodisponibilità di molecole biologicamente attive. Ѐ autrice di oltre 60 articoli su riviste “peer reviewed“ internazionali, 2 capitoli di libri e 4 brevetti.

Eleonora Maretti è CEO e Amministratrice di PerFormS, Startup innovativa dell’ateneo. Si è laureata in Biotecnologie Farmaceutiche presso l’Università di Modena e Reggio Emilia e ha un dottorato in Medicina Clinica e Sperimentale.

Le sue principali competenze riguardano lo sviluppo e la caratterizzazione di carrier nanoparticellari per la veicolazione di principi attivi. È autrice di oltre 20 pubblicazioni scientifiche e 3 brevetti.

 

Foto: Nella foto allegata la Dott.ssa Sofia Selmi è la seconda premiata da destra

 

Articolo precedenteCastelnuovo, le iniziative nella Giornata contro la violenza sulle donne
Articolo successivoVignola, rigenerazione: sabato le proposte uscite dal percorso di partecipazione civica