Un 40enne pisano si sarebbe insediato in una specifica piattaforma di annunci online, commercializzando a prezzi assolutamente concorrenziali biciclette elettriche. Quando sulla carta prepagata del truffatore veniva accreditata la caparra richiesta, alla vendita non corrispondeva la spedizione di quanto acquistato. Per questo motivo i carabinieri della stazione di Vezzano sul Crostolo hanno denunciato l’uomo alla Procura della Repubblica preso il Tribunale di Reggio Emilia.

La vittima, un 45enne reggiano, ha risposto ad un annuncio che trattava la vendita di una biciclette elettrica, le cui caratteristiche corrispondevano alle sue esigenze, venduta al prezzo di 1.200 euro. Dopo un primo contatto telefonico seguiva la trattativa e la vittima, come richiesto dall’inserzionista per bloccare la vendita, versava una caparra pari a 200 euro attraverso la ricarica di una postepay fornitagli dal venditore. Inviati i soldi i contatti si sono completamente azzerati. La vittima si è quindi presentata ai carabinieri della stazione di Vezzano sul Crostolo formalizzando la denuncia per truffa. Dopo una serie di riscontri i carabinieri hanno indirizzato le loro attenzioni investigative sull’odierno indagato che,  ritenuto l’autore del raggiro, è stato denunciato per truffa.

Articolo precedenteIl cuore di Telethon batte a Modena per la ricerca
Articolo successivoStandard & Poor’s assegna al Gruppo Iren il nuovo rating al livello “BBB-” con outlook “Positivo”