In risposta alle sollecitazioni più o meno polemiche che chiamano in causa l’amministrazione comunale a proposito di alberi di Natale, luminarie, spostamenti di feste eccetera, interviene il sindaco Claudio Poletti:

Nessuno si è dimenticato del Natale o ha voluto frenare l’entusiasmo dei Comitati Commercianti di Finale Emilia e Massa Finalese in vista delle prossime festività. E la decisione di rinviare di qualche giorno la Festa della Sfogliata – mai scelta fu più azzeccata, viste le condizioni climatiche dell’8 dicembre – è stata condivisa e concordata con tutti i protagonisti dell’iniziativa. Vorrei anche ricordare che non si tratta di una festa religiosa o di una ricorrenza civile, ma di un’iniziativa che ha trovato collocazione l’8 dicembre per una scelta che venne fatta in occasione della prima edizione (1994). Si decise di collocarla in quel giorno semplicemente perché è l’unica festività infrasettimanale del periodo prenatalizio. Opzione che ha consentito, in questi quasi trent’anni, ai commercianti di sfruttare le domeniche di dicembre per le loro iniziative, sempre supportate dall’amministrazione comunale.

E veniamo al secondo punto di polemica, ovvero l’aiuto – o il mancato aiuto – dell’amministrazione ai commercianti. L’aiuto c’è stato sia per le luminarie di Finale Emilia e di Massa con uno stanziamento adeguato, sia per il necessario piano della sicurezza richiesto per tutte le iniziative in piazza dei cui costi si è fatta carico l’amministrazione e anche per gli alberi di Natale, per i quali è stato previsto un ulteriore contributo a integrazione dell’importo versato dal Comitato Commercianti.

La scelta di collocare in piazza Garibaldi un albero-non albero, fatto di sole luci – che tra l’altro è identico a quello collocato lo scorso anno dalla precedente amministrazione – ha voluto essere un segnale: evitiamo di tagliare alberi inutilmente. Per di più in piazza Verdi per la presenza di cantieri e per ovvie ragioni di sicurezza (vie di fuga, accessi per mezzi di soccorso) non sarebbe stato possibile collocare un albero di dimensioni significative. Abbiamo così deciso, in accordo con il comitato commercianti di Finale Emilia, di collocare di fronte alla facciata del nostro municipio in attesa di recupero, una serie di piccoli abeti in vaso. Lo stesso verrà fatto a Massa Finalese, a fianco dell’albero luminoso, analogo a quello di piazza Garibaldi, posto in piazza Caduti per la Libertà.

Per la sistemazione di queste piante e per le luminarie di Finale Emilia, con le quali illumineremo e coloreremo anche castello e torre dell’acquedotto, abbiamo avuto qualche imprevisto legato ad alcune complicazioni Covid che hanno riguardato la ditta incaricata delle operazioni. Entro la giornata di oggi, venerdì 10 dicembre, sarà comunque tutto pronto, così che per la Festa della Sfogliata e per le successive domeniche con le iniziative organizzate in collaborazione con i comitati commercianti, Finale Emilia e Massa Finalese potranno respirare e far respirare il tradizionale clima natalizio”.

 

Articolo precedentePalestra robotizzata all’Istituto di Montecatone: lavori al via questo mese
Articolo successivoL’Harlem Gospel Choir al Teatro Duse di Bologna