Ad ogni alunno un piccolo imbuto, con l’intenzione che, in famiglia, venga utilizzato per la raccolta differenziata dell’olio esausto. L’amministrazione comunale di Vezzano, grazie al contributo della Banca Centro Emilia di Rivalta, ha distribuito l’oggetto a tutti i ragazzi delle scuole primarie e secondarie del territorio.

Si tratta di un piccolo gesto, ma dal valore ambientale molto importante, che si collega alla recente posa a Vezzano di tre contenitori per la raccolta degli oli alimentari esausti. Questi ultimi, infatti, troppo spesso vengono smaltiti direttamente nello scarico del lavandino, causando seri problemi agli impianti di depurazione.

I contenitori si trovano in via Di Vittorio (incrocio con via Palazzo), via Tintoria (fronte Casetta dell’Acqua) e via Cavicchioni, angolo via Caduti della Bettola (vicino al Centro Sociale). Si tratta di bidoni gialli, ben visibili, di grande capacità e accessibili comodamente, nei quali si può conferire l’olio derivante dall’uso alimentare, utilizzando contenitori usa e getta, che devono essere gettati ben chiusi all’interno. Ed ecco che, per facilitare il travaso del liquido nella bottiglietta usata, entrano in gioco gli imbuti consegnati agli alunni.

“Ritengo che per qualsiasi iniziativa di carattere ambientale promossa sul territorio sia fondamentale coinvolgere i ragazzi, che spesso sono i più sensibili degli adulti alle tematiche ambientali – spiega l’assessore all’Ambiente Mauro Lugarini – Contiamo molto su di loro come ambasciatori di buoni comportamenti all’interno delle famiglie per arrivare ad aumentare la percentuale di raccolta differenziata sul territorio”.

Articolo precedenteModena, la festa di ‘T-essere: da donna a donna’ con le detenute di Sant’Anna
Articolo successivoA Natale in streaming il concerto dei Cameristi della Scala