La scorsa notte, dopo un breve inseguimento lungo la via Emilia tra Reggio e Parma, gli agenti della Polizia di Stato di Reggio Emilia hanno fermato, non con poca difficoltà, un’autovettura con a bordo tre ragazzi. Durante l’inseguimento uno degli occupanti l’autovettura aveva lanciato dal finestrino degli involucri, che successivamente recuperati dagli operatori sono risultati contenere sostanze stupefacenti del tipo cocaina ed hashish.

Dal controllo effettuato agli occupanti, il conducente risultava essere italiano, classe 1992, privo di patente di guida perché mai conseguita, denunciato per resistenza a pubblico ufficiale per essersi opposto ai controlli e sanzionato ai sensi del codice della strada per guida senza patente. Uno dei passeggeri, straniero, classe 2000, con diversi precedenti  in materia di stupefacenti nonché gravato dalla misura degli arresti domiciliari, è stato tratto in arresto per il reato di evasione e denunciato per il possesso di sostanza stupefacente, poiché risultato colui che ha lanciato gli involucri contenenti stupefacente. L’ultimo dei tre, anch’egli straniero, classe 1995, era gravato da ordine di esecuzione di pena con contestuale sospensione.

In definitiva il soggetto che ha evaso i domiciliari, straniero, classe 2000, si trova ristretto a seguito di arresto su disposizione del PM di turno.  Sequestrati i due involucri contenenti gli stupefacenti. L’autovettura su cui viaggiavano i tre ragazzi, una Fiat Panda, è stata sottoposta a fermo amministrativo quale sanzione accessoria alla guida da parte del conducente con patente mai conseguita.

Articolo precedenteApprovato il bilancio di previsione 22-24 del Comune di Scandiano: introdotta la tariffa puntuale per il calcolo della TARI
Articolo successivoBologna: controlli dei carabinieri alla certificazione verde ma non solo alla vigilia di Natale