Home Ambiente Modena: dal Multicentro salute-ambiente del Comune un concorso sui temi dell’Agenda 2030...

Modena: dal Multicentro salute-ambiente del Comune un concorso sui temi dell’Agenda 2030 dell’Onu






Avvicinare bambini e ragazzi alla cultura della sostenibilità e far conoscere meglio gli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu, individuando buoni esempi concreti e modelli di comportamento da seguire. È questo l’obiettivo principale del concorso che il Musa, il Multicentro salute e ambiente del Comune di Modena, ha proposto a tutte le scuole cittadine, dall’infanzia alle superiori, invitando le classi, gli studenti e le studentesse a realizzare un’opera grafica, un prodotto multimediale o una composizione letteraria che mettano a fuoco uno o più dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030 e suggeriscano le possibili azioni che si possono compiere per migliorare le condizioni del pianeta.

Il bando Musa scuola 2021-2022 è già aperto; i singoli istituti devono comunicare la loro adesione entro martedì 1 febbraio 2022, mentre gli elaborati dovranno essere consegnati entro il 29 aprile. Il bando e i moduli per l’adesione sono disponibili sul sito del Comune di Modena (www.comune.modena.it/musa). Per informazioni e chiarimenti, è possibile contattare il Musa per mail (all’indirizzo musa@comune.modena.it) o per telefono ai numeri 059 203 3501/2390/2294.

Saranno tenute in particolare considerazione nella valutazione le opere che concentreranno la riflessione su tre obiettivi dell’Agenda 2030 e su come questi si integrano con gli altri: rendere le città e gli insediamenti umani sicuri, inclusivi, sicuri, duraturi (obiettivo 11); garantire modelli sostenibili di produzione e consumo (obiettivo 12); promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico (obiettivo 13).

Le città occupano solo il 3 per cento della superficie del pianeta ma ospitano il 54 per cento degli esseri umani, consumano il 70 per cento dell’energia globale e l’80 per cento del cibo ed emettono il75 per cento di inquinanti e gas serra. Le aree urbane, dunque, sono già oggi il contesto nel quale la maggior parte delle persone vive o che frequenta quotidianamente, e lo saranno ancora di più in futuro. Ed è per questo checi si deve occupare delle città e del modo in cui viviamo, consumiamo, produciamo e ci muoviamo se si vuole realizzare gli obiettivi dell’Agenda 2030.






Articolo precedenteTar Campania sospende l’ordinanza di De Luca, scuola torna in presenza
Articolo successivoCovid, l’assessore regionale Raffaele Donini sull’andamento epidemiologico in Emilia-Romagna