Home Castellarano Dopo il furto, Sportinsieme travolta dalla generosità dei castellaranesi

Dopo il furto, Sportinsieme travolta dalla generosità dei castellaranesi

In meno di una settimana raccolti più di 5.000€






C’è un lieto fine al brutto episodio del furto ai danni dell’associazione SportInsieme all’interno del proprio ricovero attrezzi nel Parco Inclusivo Don Reverberi di Castellarano la notte dello scorso 7 settembre.  La gara di solidarietà lanciata dall’associazione insieme al Sindaco Giorgio Zanni ha raccolto e superato in meno di una settimana il valore dei beni rubati, arrivando ad oggi a più di 5.000 € di valore raccolto.

Il furto aveva privato l’associazione di diversi strumenti utilizzati per la pulizia e la cura del parco, del nuovo campo da gioco e dei rinnovati giochi inclusivi per bambini, nel caso del Parco Inclusivo Don Reverberi particolarmente preziosi proprio perché in grado di accogliere anche bimbi e bimbe diversamente abili.

L’associazione, come diverse altre in tutto il territorio comunale, svolge questo generosissimo compito di manutenzione e cura in seguito ad una convenzione e al sostegno del Comune di Castellarano, al fine di rendere parchi e spazi pubblici sempre più belli, curati e accoglienti per tutta la comunità.

Già dopo poche ore dall’accaduto, e la denuncia pubblica alle locali forze dell’ordine contro gli ignoti responsabili, ha preso il via la macchina della solidarietà promossa dal Sindaco Zanni che, attraverso i social network, ha lanciato un appello per la raccolta fondi. In pochissimi giorni sono stati raccolti donazioni – in denaro e attrezzature come soffiatori, decespugliatori, contenitori e motoseghe – per un valore di più di € 5.000. Valori che hanno superato il danno subito grazie alla grande adesione da parte di privati cittadini, associazioni e aziende del territorio.

“Il sostegno che abbiamo ricevuto dalla popolazione è commovente. — commenta il presidente di Sportinsieme Enzo Gallo — In tantissimi hanno aderito in un modo che davvero non ci aspettavamo: chi ha donato cinque, chi ha donato mille euro, chi ha regalato una motosega e chi è passato dalla sede dell’associazione per consegnare di persona il suo contributo. La nostra gratitudine va in egual misura a tutti coloro che ci sono stati vicini.”

Una solidarietà trasversale a tutta la popolazione, che ha visto anche la stragrande maggioranza delle associazioni di Castellarano donare a loro volta nei confronti dei “colleghi” di Sportinsieme.

“Le donazioni ricevute dalle associazioni sono ancora più belle: ci dimostrano che siamo insieme non solo quando collaboriamo per la buona riuscita di un evento o di una causa, ma che siamo una vera comunità. Non posso che ringraziare allora anche l’amministrazione e il Sindaco Zanni, che ha sposato la causa della raccolta fondi facendo sì che diventasse tema condiviso da tutta la cittadinanza”.

I fondi raccolti, oltre all’acquisto dell’attrezzatura sottratta, permetteranno inoltre l’installazione di un impianto di allarme e di ulteriori telecamere, oltre a quelle già presenti, per scongiurare nuove intrusioni.

“Ad un atto vile la nostra comunità ha risposto nel migliore dei modi, con un gesto di grandissimo cuore e nobiltà. — commenta il sindaco Zanni — In tempi record Sportinsieme è tornata pienamente operativa grazie a queste preziose donazioni in denaro e attrezzatura. Ancora una volta, la dimostrazione concreta di una comunità unità e coesa, che sa tendersi la mano ancor più nei momenti di difficoltà. Un ulteriore segno della riconoscenza e dell’affetto che Castellarano tutta, amministrazione compresa, nutre nei confronti del lavoro e del grande cuore che tutte le nostre associazioni rappresentano per l’intera comunità!”

 

 






Articolo precedentePensioni, ai reggiani 43 milioni di euro in più per il 2022. La Cisl: “Tuteliamo i più deboli”
Articolo successivoParma Card e Card Cultura del Comune di Bologna: un ponte tra due realtà per promuovere cultura, turismo e rispettivi territori