Home Modena Emergenza Covid-19: dal 17 al 23 gennaio sul servizio urbano di Modena...

Emergenza Covid-19: dal 17 al 23 gennaio sul servizio urbano di Modena corse ridotte del 5%

Le rimodulazioni interessano le linee urbane 1-3-4-5-6-7-8-11-13






L’evoluzione dell’emergenza sanitaria legata alla pandemia da Covid-19 sta avendo conseguenze rilevanti sul livello di astensioni dal lavoro che si stanno verificando tra il personale di SETA: alle assenze legate ai contagi diretti, agli isolamenti precauzionali ed agli obblighi legati alle certificazioni verdi vanno infatti aggiunte le normali assenze per malattia, permessi e congedi di varia natura. Ad oggi, le assenze nel bacino di Modena ammontano ad oltre il 15% della forza lavoro complessiva.

Alla luce di questa situazione di forte criticità, nonchè in considerazione del calo di utenza registrato, da lunedì 17 a domenica 23 gennaio il servizio di trasporto pubblico urbano di Modena verrà ridotto complessivamente del 5% circa. Le rimodulazioni – attivate nell’ambito del piano di emergenza predisposto in coordinamento con l’Agenzia della Mobilità – riguardano le linee urbane 1-3-4-5-6-7-8-11-13. Sono comunque garantite le corse negli orari di maggior afflusso e tutti i potenziamenti attivati a beneficio dell’utenza scolastica e lavorativa. Il servizio extraurbano resta integralmente confermato.

Avvisi informativi sono esposti alle principali fermate urbane delle linee interessate. Tutte le tabelle orarie aggiornate e l’elenco delle corse temporaneamente sospese sono disponibili su https://www.setaweb.it/mo.

Ulteriori informazioni in tempo reale sull’effettiva erogazione del servizio sono disponibili consultando l’app SETA (disponibile gratuitamente per dispositivi Android e iOs) o tramite i canali informativi aziendale: numero telefonico 840 000 216; numero WhatsApp 334 2194058.

SETA monitorerà costantemente la situazione e comunicherà puntualmente eventuali aggiornamenti che potranno rendersi necessari in relazione all’evolversi dell’emergenza sanitaria.

 






Articolo precedenteEmpatia@Lecco, la riabilitazione dopo i traumi si fa in casa
Articolo successivoAl via a Reggio Emilia le attività dei 21 nuovi centri pomeridiani per bambini e adolescenti