Sarà il leggendario falcone di Re Astolfo il logo della “De.C.O.” di Carpi: questo il responso della votazione on-line, aperta a tutti, che si è tenuta dalle ore 00.00 di venerdì 28 alle 23:59 di ieri, domenica 30.

I partecipanti erano chiamati a scegliere fra il volatile stilizzato (bozzetto di Marcello Buganza) e la altrettanto stilizzata Torre dell’Uccelliera del palazzo dei Pio (bozzetto di Eleonora Surano): due soggetti che erano stati selezionati con un bando pubblico rivolto ai giovani di Carpi, chiamati a presentare idee grafiche e comunicative per rappresentare, attraverso le De.C.O. (“Denominazione Comunale d’Origine”), il nome e la storia della città nel mondo.

Hanno partecipato 3.899 votanti, e il grosso delle preferenze (3.387, pari all’86,9%) è andato appunto al disegno di Marcello Buganza, contro le 512 dell’altro (13,1%).

Il Comune di Carpi ha deciso di dotarsi della “Denominazione Comunale d’Origine” l’estate scorsa, approvando un Regolamento per tutelare e valorizzare le attività agro-alimentari, artigianali tradizionali della città: produttori e artigiani locali potranno candidare ricette, prodotti e lavorazioni tipiche, per ottenere il marchio “De.C.O. Carpi”, che ne identificherà l’origine in modo inequivocabile. Da qui l’esigenza di un logo, originale e chiaramente riconoscibile, per marchiare il “fatto a Carpi”.

Afferma Stefania Gasparini, spiega Vice-Sindaco e assessore a turismo e promozione del centro storico: « Siamo molto soddisfatti del successo del “contest”, un successo fatto di numeri ma soprattutto di voglia di partecipare da parte dei ragazzi e delle ragazze che hanno portato il loro fondamentale contributo, averli coinvolti  è il risultato più importante. Ora il primo passo per l’avvio della De.C.O. è compiuto e convocheremo al più presto la Commissione. Complimenti a Marcello per la vittoria del suo logo».

 

Articolo precedenteRicostruzione: a Finale Emilia incontro in municipio con i tecnici della Regione
Articolo successivoPnrr, Draghi “Il 2 febbraio Cdm per la ricognizione sugli obiettivi”