I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Bologna – Dott.ssa Francesca Zavaglia e relativo a denaro e beni, per 500 mila euro, nella disponibilità di un soggetto indagato per reati fallimentari e autoriciclaggio.

Le indagini dei Finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria hanno preso le mosse dall’approfondimento di alcune segnalazioni di operazioni sospette e hanno consentito di ricostruire come l’indagato, nella veste di “amministratore di fatto” di un’impresa edile, oggetto di altre complesse indagini svolte dalla locale Procura della Repubblica, a ridosso della pronuncia della sentenza di fallimento della società (cui si è addivenuti su input stesso dell’A.G.), abbia distratto un compendio immobiliare di lusso (unico asset del patrimonio sociale) simulando compravendite con due imprese “fantasma” sedenti nelle Isole Vergini Americane e nella Repubblica di San Marino.

Mediante tali condotte illecite, l’indagato era riuscito a sottrarre il bene alla procedura fallimentare e a garantirsene il godimento indisturbato.

I successivi sviluppi investigativi hanno permesso di ricondurre le predette società estere fittizie all’indagato e di ricostruire come lo stesso, a distanza di anni, abbia venduto l’immobile a terzi per oltre 800 mila euro, così “monetizzando” il provento dei pregressi reati fallimentari. L’analisi accurata dei flussi finanziari ha disvelato le successive condotte di autoriciclaggio mediante le quali l’indagato – sconosciuto al Fisco e apparentemente “nullatenente” – ha trasferito i fondi dalla società sammarinese a due imprese nazionali sempre a lui riconducibili, inattive e schermate da un mandato fiduciario.

Gli accertamenti hanno inoltre consentito di corroborare la responsabilità dell’indagato anche in relazione al fallimento della società originariamente proprietaria del bene.

L’operazione testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza a tutela della legalità economico-finanziaria, che si traduce nella concreta aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati, al fine di favorire l’attività imprenditoriale sana.

Articolo precedenteUcraina, CAI: grano e mais sfondano quota 400 euro/ton record storico in Italia
Articolo successivoCampogalliano, grande adesione dei cittadini alla fiaccolata per la pace