Nelle scorse settimane il Comune di San Prospero ha aderito al Manifesto per la riduzione dei prodotti monouso e per la diffusione e il consolidamento dei modelli del riuso. La decisione, approvata in Consiglio comunale all’unanimità, è in linea con le politiche che l’Amministrazione comunale persegue da anni allo scopo di tutelare l’ambiente e limitare il consumo di risorse.

Tra le principali misure che il Comune s’impegna ad adottare aderendo al Manifesto si ricordano:

  • La promozione di campagne di comunicazione rivolte a tutta la cittadinanza e alle imprese locali per ridurre la produzione e il consumo di prodotti monouso e la diffusione di modelli basati sull’uso di prodotti riutilizzabili
  • L’installazione di dispositivi per l’erogazione di acqua di rete presso gli edifici comunali, con l’impegno a evitare l’uso di bicchieri di plastica usa e getta
  • La stesura di linee guida per gli organizzatori di eventi su suolo pubblico e del disciplinare per eco-eventi che includa misure di riduzione del monouso
  • La promozione di attività di formazione rivolta a studenti e insegnanti. Nel servizio ristorazione, l’introduzione di stoviglie riutilizzabili e la presenza del servizio di lavaggio stoviglie presso l’impresa affidataria del servizio
  • Presso attività commerciali e pubblici esercizi di somministrazione di cibi e bevande, l’attivazione di protocolli d’intesa con le associazioni e la concessione di agevolazioni per le strutture che adottino misure di riduzione del monouso

“L’emergenza sanitaria – ricorda l’Assessore all’Ambiente del Comune di San Prospero, Antonio Capasso – ha costretto la popolazione ad accantonare provvisoriamente una serie di misure volte a limitare la diffusione di prodotti monouso. Abbiamo visto proliferare mascherine usa e getta e altri prodotti che durante la pandemia era bene non passassero di mano in mano. Ora che l’emergenza sembra superata però dobbiamo tornare ad occuparci della crisi degli sprechi e riabituarci ad essere consumatori responsabili. L’adesione del Comune al Manifesto per la riduzione dei prodotti monouso è quindi un gesto molto importante, oggi ancora di più”.

Articolo precedenteSassuolo, conferenze dell’Arma dei Carabinieri su legalità e violenza di genere all’Istituto A. Volta
Articolo successivoFino al 2024 le Unioni di Comuni dell’Emilia-Romagna potranno assumere