Una serata preparata da mesi e dedicata alla storia e al pensiero di Sant’Agostino, che per le drammatiche notizie delle ultime settimane è diventata allo stesso tempo un momento di riflessione sull’attualità della guerra in Ucraina, anche da inquadrare in una prospettiva storica più ampia. Questi i temi centrali affrontati nella serata dello scorso giovedì 24 marzo, a San Prospero, in un appuntamento organizzato dal Rotary di Mirandola e che ha visto la partecipazione come ospite e relatore di Monsignor Erio Castellucci, arcivescovo di Modena e Nonantola.

L’incontro, dal titolo Alle origini del patrimonio – Tempo, storia e tradizione Cristiana da agostino D’Ippona ai nostri giorni ha visto una nutrita partecipazione e ha preso le mosse da quattro parole particolarmente care a Sant’Agostino: patrimonio, tempo, storia e tradizione. “È uno dei pensatori più presenti nella nostra cultura perché ha saputo indagare il cuore e la mente umana, ha cercato di capire chi è l’essere umano e ci ha lasciato pensieri che ancora oggi, sedici secoli dopo, sono di straordinaria attualità”, ha raccontato Monsignor Castellucci.

A fare da filo conduttore della serata, oltre al pensiero di Sant’Agostino, sono state le riflessioni e le iniziative stimolate dalla crisi ucraina. “Si presume che a breve arriveranno sul nostro territorio alcune centinaia di ragazze e donne con i loro bambini, e dovremo essere pronti ad accoglierle e ad aiutarle”, ha spiegato la presidente del Rotary di Mirandola Roberta Roventini. “E saranno sole, perché gli uomini sono rimasti a difendere il loro paese”.

Alla presenza della coordinatrice del progetto – la presidente della commissione “Empowering Girls” del Distretto Rotary 2072 Tiziana Casadio – è stata quindi presentata l’iniziativa “SOS MaMa Sorelle Tutte” organizzata dal Rotary e dedicata all’accoglienza e al sostegno di chi è in fuga dal conflitto, insieme al centro di accoglienza di Modena e di concerto con tutti i presìdi dell’Emilia. “Si partirà come Distretto Rotary 2072 con l’acquisto di tende da destinare ai campi profughi nelle zone di confine, ma il cuore del progetto sarà il sostegno ai centri di accoglienza alla vita del nostro territorio. Oltre ai beni materiali serviranno professionisti con diverse competenze da affiancare ai volontari che supporteranno e assisteranno queste donne e i loro bambini”, ha aggiunto Roventini.

Rifacendosi alle parole di Sant’Agostino, Monsignor Castellucci ha poi raccontato come “Il termine patrimonio ci riconduce a ciò che viene trasmesso di generazione in generazione, non solo come beni materiali ma anche come filosofia e fede”. Il patrimonio richiama alla figura del padre, così come il matrimonio evoca la madre, ed entrambe hanno un forte legame con la continuità nel tempo, l’uno con i beni materiali e immateriali e l’altro con la prole e la famiglia. “La prospettiva temporale è decisiva”, ha aggiunto il Vescovo. “Se si fa riferimento sono al presente causiamo disastri dal punto di vista ambientale, ma anche dal punto di vista economico e finanziario. Sant’Agostino ci dice che il patrimonio arricchisce la memoria del passato e alimenta la speranza nel futuro, articolandosi nella storia. Da qui l’ultimo elemento: la tradizione, non come arroccamento nel passato ma come trasmissione delle ricchezze da una generazione a quella successiva, che alimenta il patrimonio dell’umanità”.

“Il fare memoria e lo sperare sono le vere virtù”, ha proseguito. “Non ci rendiamo conto delle scelte sbagliate perché non c’è memoria. La storia dovrebbe essere maestra di vita per quanto riguarda le guerre, eppure evidentemente non c’è memoria viva. Il nostro millennio si è aperto con un evento simbolico di importanza devastante, il terrorismo delle Torri gemelle del 2001. Un nemico invisibile che ha creato un senso di instabilità e una serie di insicurezze che ci portiamo ancora dietro. Poi la crisi economico-finanziaria del 2008, in cui di fatto siamo ancora, così come la crisi migratoria collegata alle primavere arabe nel 2011. Senza dimenticare la consapevolezza sempre più matura della crisi ambientale. O ci diamo una regolata in una relazione costruttiva con gli altri e con la natura, o c’è il rischio che crolli l’intera nostra civiltà. Ma sono ottimista, perché abbiamo anche molte proposte positive: come dice Sant’Agostino, pure nelle crisi se azioniamo la memoria possiamo azionare la speranza”.

Il Rotary è un’associazione mondiale di imprenditori e professionisti, di entrambi i sessi, che prestano servizio umanitario, che incoraggiano il rispetto di elevati principi etici nell’esercizio di ogni professione e che si impegnano a costruire un mondo di amicizia e di pace. Il Rotary Club di Mirandola è parte del Distretto 2072 ed è stato fondato nel 1969.

Articolo precedenteDomani e domenica protagonisti a Imola gli atleti della 4^ edizione del Campionato Italiano di Duathlon Sprint
Articolo successivoBologna, Consulta comunale della bicicletta: Fabio Bettani è il nuovo presidente