Il Consiglio Direttivo di Avis Provinciale di Reggio Emilia ODV ha convocato per domenica 10 aprile 2022 alle ore 9.00 la 47ª Assemblea Provinciale. L’evento si svolgerà presso il Teatro Comunale “Bonifazio Asioli” di Correggio, tornato finalmente utilizzabile nella sua massima capienza. Come ogni anno prosegue quindi la tradizione di rendere itinerante l’Assemblea, allo scopo di portare a conoscenza l’attività di AVIS presso le comunità locali. La scelta quest’anno è stata quella di rendere omaggio e ringraziare i tanti volontari e collaboratori dell’Avis Comunale di Correggio ODV sezione che, da marzo 2021, ha raggiunto lo status di “centro fisso” aprendo anche alle donazioni di plasma (plasmaferesi) e aumentando il numero di sedute di prelievo.

Il 2021 ha segnato il primo anno di mandato per la nuova e giovane dirigenza di Avis Provinciale e quella di domenica sarà quindi l’occasione per ritrovarsi e fare insieme il punto della situazione. Nel corso dell’Assemblea verranno esposte le relazioni riguardanti le attività svolte dall’Associazione e dalle sue Commissioni. Saranno inoltre presentati il bilancio consuntivo 2021, la relazione del Revisore dei Conti e dell’Organo di Controllo monocratico e il bilancio preventivo 2022.
Il 2021 si è concluso con dati della raccolta molto confortanti e positivi. La risposta dei donatori della provincia è stata ancora una volta forte e importante, riportando le statistiche ai livelli del 2019, dopo che il 2020 era stato condizionato inevitabilmente dalla pandemia.
In particolare, a Reggio Emilia e provincia sono state raccolte 20.360 sacche di sangue intero (+ 1.651 rispetto al 2020); 9.975 sacche di plasma (+1.495) e 595 unità di piastrine per un totale di 30.930 (+3.158 rispetto al 2020; + 2.068 rispetto al 2019). A Reggio Emilia inoltre si registra il miglior aumento regionale della raccolta totale sull’anno precedente (+11,37%).
Il totale dei soci Avis nella provincia sale a 17.620 di cui 16.947 soci donatori e 673 non donatori (i preziosissimi “donatori di tempo”), registrando un aumento dell’1,15% rispetto al precedente anno. Di questi il 64,8% sono uomini. L’età media dei soci donatori è di circa 44 anni.
Si segnala l’elevato numero di iscrizioni online, ben 700, effettuate direttamente sul nostro portale web (avisre.it).
Nel corso dell’anno è stato altresì potenziato lo staff di Avis Provinciale inserendo nuovo personale sanitario fisso, facendo così fronte alla difficoltà nazionale di reperimento di medici e infermieri e riorganizzando inoltre le funzioni chiave dell’organigramma della nostra Unità di Raccolta.
Sono state attivate nuove e significative aree di lavoro all’interno dell’associazione quali l’Area pari opportunità e confronto tra le generazioni e l’Area radicamento sul territorio.
Le prossime fondamentali sfide di Avis prevedono: l’imminente nuova visita di accreditamento sanitario (giugno); l’intensificazione della raccolta di plasma per contribuire al raggiungimento dell’autosufficienza nazionale, l’abbassamento dell’età media dei soci donatori (e non), per garantire all’associazione una concreta stabilità nel medio e lungo periodo; accrescere la diffusione e l’educazione dei sani e corretti stili di vita, preservando così il Sistema Sanitario Nazionale; rafforzare nelle nostre comunità la presenza di AVIS con i suoi valori, ispirati alla solidarietà e al civismo, continuando così a sviluppare una forte storia di radicamento sul territorio.

Articolo precedenteLegacoop guarda all’Europa
Articolo successivoCovid 19, l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena ha registrato complessivamente 1.872 casi tra i sanitari