I Militari del Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Punta Marina (Ravenna) nelle Scuole di Modena; una giornata all’insegna dell’ambiente con attività di divulgazione e sensibilizzazione ambientale rivolta in aula ai ragazzi di 4 classi dell’Istituto Comprensivo “Modena 4” – scuola primaria di via Benedetto Marcello e Saliceto Panaro – che poi hanno messo a dimora le piantine nell’ambito del progetto nazionale “Un albero per il futuro”, coordinato dal Raggruppamento Carabinieri per la Biodiversità di Roma.

La proposta è quella di creare un “bosco diffuso” grazie ai ragazzi delle scuole che hanno richiesto di aderire all’iniziativa. Una pianta per ciascuno degli studenti per creare, dove gli spazi scolastici lo consentono, dei veri boschi urbani da curare e veder crescere generazione dopo generazione. Un unico polmone verde mappato dal Ministero per la Transizione Ecologica che da Nord a Sud in tutta Italia contribuisca a ridurre il tasso di CO2 nell’atmosfera ed a catturare le sostanze e le polveri inquinanti presenti nell’aria.

Le piantine vengono donate in contenitori biodegradabili sulla base della località geografica dove si trova la scuola richiedente, quindi nel rispetto delle fasce fitoclimatiche e dell’origine genetica del materiale di propagazione (semi o talee).

Un gesto certamente simbolico, ma concreto per avvicinare le giovani generazioni al rispetto della Natura ed alla conservazione sostenibile della Biodiversità e degli ecosistemi.

 

Articolo precedente77° anniversario della Liberazione, le iniziative in città a Bologna e nei comuni della città metropolitana
Articolo successivoRiparte a Carpi la campagna comunale per combattere la zanzara tigre