Home Ambiente Sabato 14 maggio inizia la Settimana Nazionale della Bonifica e dell’irrigazione

Sabato 14 maggio inizia la Settimana Nazionale della Bonifica e dell’irrigazione






“ANBI 100: dalla Bonifica storica ai Comuni dell’Acqua per la promozione della fruizione sociale dei corsi d’acqua”. È questo il tema della Settimana Nazionale della Bonifica e dell’Irrigazione in partenza dal 14 maggio. Nel 2022 sono infatti trascorsi esattamente 100 anni da quando, in modo organizzato, i Consorzi di Bonifica hanno affrontato con politiche condivise a livello nazionale, la gestione delle acque superficiali.

“Dalla bonifica per motivi igienico sanitari orientata al riscatto di terre insalubri si è evoluto il ruolo dei Consorzi di Bonifica che oggi sono tra i protagonisti della cura, mantenimento e valorizzazione di territori complessi che richiedono un continuo sguardo al futuro forti di una conoscenza ed un’esperienza secolare e a 360° nella gestione della rete di canali artificiali e idrovore che solcano il territorio” commenta il Presidente del Consorzio Burana Francesco Vincenzi. “Il legame ormai inscindibile tra l’attività irrigua e il settore agricolo (in un momento di crisi pandemica e bellica che chiede con forza di incrementare l’autosufficienza alimentare), la gestione di situazioni complesse nello scolo delle acque (in zone fortemente antropizzate e cementificate), la lotta al dissesto idrogeologico nel suolo montano (attenzione alle zone appenniniche significa anche ripopolamento), la valorizzazione degli aspetti ambientali sono solo alcuni degli aspetti che fronteggia la bonifica oggi in un costante confronto e in sinergia con gli altri interlocutori preposti alla tutela del territorio. La quantità di progetti finanziati che ha in cantiere oggi il Consorzio della Bonifica Burana testimonia due aspetti fondamentali: la necessità di affrontare sfide epocali, in primis il cambiamento climatico, e il riconoscimento delle competenze tecniche di cui è in possesso. Aprire le porte degli impianti, portare le persone alla scoperta del territorio durante l’appuntamento annuale con la Settimana della Bonifica, rappresentano la nostra occasione per comunicare la complessità di un lavoro spesso misconosciuto. Ed è motivo di orgoglio perché c’è tanto ingegno nelle opere che ci sono state tramandate e nel modo in cui le portiamo avanti”.

Acqua, storia, bellezza architettonica, benessere nella natura, scoperta dei luoghi “dietro casa”, paesaggio, habitat naturali, cultura: gli eventi sono gratuiti e aperti a tutti per questa edizione della Settimana della Bonifica 2022 che torna a pieno regime nel mese di maggio dopo due anni in tono minore a causa della pandemia.

I dettagli sul sito: www.consorzioburana.it






Articolo precedentePositiva esperienza per il Pala AVF
Articolo successivoUn centro culturale per l’Appennino bolognese: dopo il restauro, torna il Teatro comunale di Castiglione dei Pepoli