Giovedì 30 giugno 2022, alle 20, nella splendida cornice del Teatro Manzoni, dopo un anno di stop, si terrà una nuova edizione di TEDxBologna dal titolo Giustizia Ambientale e Migrazioni. L’evento intende porre l’attenzione su un argomento tanto acceso quanto attuale, ovvero lo stretto rapporto tra crisi ambientale e crisi sociale.

Nella storia del nostro pianeta non è la prima volta che il clima subisce importanti trasformazioni ma, a differenza delle epoche precedenti, i drastici cambiamenti di oggi sono significativamente determinati dalle attività umane. Inoltre, l’attuale economia globale è profondamente diseguale, basata su aziende guidate dal profitto che approfittano delle risorse, delle vite e degli habitat del pianeta. Il tema di questa edizione ha l’obiettivo di mettere in luce il legame tra crisi ambientale e migrazione, che a sua volta genera una migrazione forzata, ed è il segno tangibile dell’interconnessione tra giustizia ambientale e sociale.

L’evento è promosso dal Comune di Bologna, organizzato da TEDxBologna e si inserisce nell’ambito del progetto europeo “End Climate Change – Start Climate of Change”, guidato da WeWorld, organizzazione impegnata da 50 anni a garantire i diritti di donne, bambine e bambini in 25 paesi del mondo compresa l’Italia. Tra gli obiettivi del progetto la ricerca sul campo, condotta dall’Università di Bologna, altro partner di progetto, in quattro paesi del Sud del mondo per indagare le connessioni tra cambiamenti climatici e movimenti di popolazioni, e la campagna di comunicazione europea #ClimateOfChange volta a sensibilizzare le giovani generazioni sugli impatti del cambiamento climatico.

L’evento TEDxBolognaSalon del 30 giugno è tra le azioni che vede impegnato il Comune di Bologna, in qualità di partner del Progetto #ClimateOfChange e tramite il diretto coinvolgimento dell’Ufficio Nuove cittadinanze, cooperazione e diritti umani: tra le iniziative già realizzate, la pubblicazione di un avviso pubblico per il sostegno di progetti delle associazioni del territorio impegnate su queste tematiche, l’organizzazione di una Masterclass UNESCO in occasione della Giornata Internazionale per l’eleminazione della discriminazione razziale 2022, e numerose attività laboratoriali in sei istituti scolastici del bolognese. L’evento TEDx rappresenta così un’ulteriore azione attraverso cui il Comune di Bologna intende sensibilizzare la cittadinanza su temi cruciali come la sostenibilità, la giustizia ambientale e sociale, in continuità con iniziative già intraprese dall’Amministrazione, a partire dall’adozione della Dichiarazione di emergenza climatica del 30 settembre 2019.

“Come Comune di Bologna – sottolinea la vicesindaca Emily Clancy -, siamo impegnati a promuovere una cultura dell’uguaglianza e un’autentica equità di opportunità per tutte e tutti e a sostenere iniziative che diffondano un’ottica di crescita, di conoscenza, consapevolezza e assunzione di comportamenti responsabili sui temi del cambiamento climatico e delle migrazioni e sui fili che legano i diversi ambiti in cui viene declinato il concetto di sostenibilità”.

Sul palco nove speakers, sette donne e due uomini, nove idee di valore si alterneranno raccontando i loro progetti, le difficoltà che hanno incontrato nel proprio percorso e i traguardi futuri.

Ma chi sono gli speaker di questa nuova edizione di TEDxBologna?

Marica di Pierri, laureata in giurisprudenza, con PhD in Human Rights, lavora da quindici anni nel campo della giustizia ambientale e dell’ecologismo. Giornalista pubblicista, è Direttrice Responsabile della testata EconomiaCircolare.com. Co-fondatrice e direttrice del Centro Documentazione sui Conflitti Ambientali

Francesca Rosignoli lavora attualmente come Junior Global Horizons Fellow presso lo Swedish Collegium for Advanced Study di Uppsala. .Le sue principali pubblicazioni sono due monografie: la prima dal titolo “Giustizia ambientale” uscita nel 2020 e la seconda, in inglese, dal titolo “Enviromental Justice for Climate Refugees” pubblicata a maggio 2022.

Abdou Mbacke Diouf pallavolista professionista, biologo molecolare, scrittore. Forse qualcuno lo conosce perché segue la sua pagina facebook “Accettare con serenità che certe cose non le accetterai mai con serenità”. Oggi, con Il pianista del Teranga, i romanzi sono diventati due.

Azzurra Spirito facilita le persone che operano in realtà diverse (enti pubblici, startup, imprese, centri di ricerca, università, grandi aziende, realtà di investimento, associazioni) a sviluppare uno sguardo di lungo termine, costruire una visione condivisa con gli altri attori coinvolti nel sistema socio-tecnico di riferimento, esplorare futuri alternativi.

Susanna Finardi, Imprenditrice, Head of Business Partnership e internazionalizzazione di Treedom. Prima di entrare a far parte di Treedom è stata responsabile dell’ufficio di raccolta fondi di COSPE ONG. Oggi si considera una donna professionalmente appagata, felice dei benefici che il suo lavoro porta per il bene del pianeta

Bellamy Ogak Co-fondatrice di Afroitalian Souls, una piattaforma nata per cambiare la narrativa e valorizzare il lavoro e le esperienze di vita degli italiani afrodiscendenti.
Si occupo di divulgazione di temi inerenti le disuguaglianze sociali, consulenza in diversity &
inclusion, comunicazione decoloniale

Laurence Hart– Lavora con la Organizzazione Internazionale per le Migrazioni – OIM dal 1999 e da settembre 2019 è il Direttore dell’Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo in Roma. È responsabile delle attività in Italia e a Malta ed è il Rappresentante dell’Organizzazione presso la Santa Sede.

Michela Spina Nata e cresciuta in Molise. Frequenta l’università di medicina veterinaria a Napoli. Ha iniziato a frequentare Fridays for future, movimento che oggi rappresenta come portavoce a livello italiano, insieme ad altri 5 attivisti e attiviste.

Julia Hoffmann È consulente senior fundraiser e formatrice in Non Profit Factory con focus su filantropia strategica ed impatto sociale a livello nazionale ed internazionale. Da sempre appassionata promotrice di finanza sostenibile aggiorna le sue competenze grazie all’intensiva formazione e collaborazione con l’UNICATT- ALTIS, la Cambrigde.

Presenteranno l’evento:

Sambu Buffa Consulente in comunicazione e marketing inclusivo. Sono una persona molto empatica, credo in questo comportamento, come mezzo per ascoltare le persone e capire come soddisfare i loro bisogno e interagire con loro. Credo nell’essere diversi come ricchezza e non come ostacolo, e nel fatto che i grandi cambiamenti partono dalle azioni di un singolo.

Giovanni Mori Laureato in ingegneria ambientale e master in Energy Engineering tra Trento, Bolzano e l’EPFL (Politecnico di Losanna). Nella sua tesi elabora le strategie per provare a rendere il campus dell’EPFL (15 mila persone) il primo al mondo a emissioni nette zero di CO2. Aiuta a fondare il movimento Fridays For Future Brescia.

Cosa è TEDxBologna
TEDxBologna è l’evento che permette di presentare e “Diffondere Idee di Valore” attraverso micro conferenze di massimo 18 minuti, tenute da pensatori, inventori, autori di idee per il futuro, uomini e donne d’azione in un perfetto connubio tra performance e stile, fra passione e tecnologia, fra innovazione e tradizione. La missione è quella di creare da un lato una comunità di pensatori creativi e innovativi che possano offrire ispirazione alla comunità di Bologna e all’Italia, dall’altro una libera conoscenza fruibile a tutti. Dal 2011 si svolge almeno un evento TEDxBologna all’anno, dedicato sempre ad un tema attuale. Con “Giustizia Ambientale e Migrazione” TEDxBologna porta scintille d’ispirazione nel capoluogo emiliano.

Il programma, l’elenco degli speaker e i biglietti sono disponibili al seguente link: https://tedxbologna.com/giustizia-ambientale-e-migrazioni

La campagna #ClimateOfChange
#ClimateOfChange è la campagna di comunicazione europea – guidata dall’italiana WeWorld e cofinanziata dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma DEAR (Development Education and Awareness Raising Programme) – che mira a sviluppare la consapevolezza dei giovani cittadini e cittadine dell’UE sul nesso tra cambiamento climatico e migrazioni e coinvolgerli per creare un movimento pronto, non solo a cambiare il proprio stile di vita, ma anche a sostenere la giustizia climatica globale. Ad unire le forze per raggiungere lo scopo sono 16 organizzazioni europee – tra organizzazioni della società civile, università e ONG – che dal 2020 sono al lavoro per progettare in sinergia, non solo ricerche e dibattiti nelle scuole e nelle università, ma anche una campagna paneuropea di comunicazione e sensibilizzazione, online e offline, che interesserà milioni di ragazzi e ragazze dai 16 ai 35 anni che vivono in 23 stati membri dell’UE. Per saperne di più è possibile visitare il sito www.climateofchange.info.

WeWorld
WeWorld è un’organizzazione italiana indipendente impegnata da 50 anni a garantire i diritti di donne e bambini in 25 Paesi, compresa l’Italia. WeWorld lavora in 170 progetti raggiungendo oltre 10,5 milioni di beneficiari diretti e 71,8 milioni di beneficiari indiretti. È attiva in Italia, Siria, Libano, Palestina, Libia, Tunisia, Burkina Faso, Benin, Burundi, Kenya, Tanzania, Mozambico, Mali, Niger, Bolivia, Brasile, Nicaragua, Guatemala, Haiti, Cuba, Perù, India, Nepal, Tailandia, Cambogia. Bambine, bambini, donne e giovani, attori di cambiamento in ogni comunità sono i protagonisti dei progetti e delle campagne di WeWorld nei seguenti settori di intervento: diritti umani (parità di genere, prevenzione e contrasto della violenza sui bambini e le donne, migrazioni), aiuti umanitari (prevenzione, soccorso e riabilitazione), sicurezza alimentare, acqua, igiene e salute, istruzione ed educazione, sviluppo socio-economico e protezione ambientale, educazione alla cittadinanza globale e volontariato internazionale.

Eventuali accrediti stampa e ulteriori informazioni o interviste possono essere richiesti all’indirizzo press@tedxbologna.com 

 

 

Articolo precedenteFesta dello Sport e Holi Splash Run giovedì 2 giugno a Maranello
Articolo successivoControlli dei Carabinieri sulle strade della montagna modenese