Home Ambiente Marzabotto, il Comune abbassa la Tari con il recupero dell’evasione fiscale

Marzabotto, il Comune abbassa la Tari con il recupero dell’evasione fiscale

Il Consiglio Comunale ha approvato il Piano Economico Finanziario e sostiene le attività del territorio colpite dall’emergenza sanitaria








Lo scorso anno contributi a fondo perduto oltre alla riduzione sulla Tari, quest’ultima confermata anche nel 2022 a favore delle attività che hanno subito un disagio a causa dell’emergenza sanitaria. Continua il sostegno del Comune di Marzabotto affinché non si sfaldi il tessuto economico e sociale del territorio e lo fa con un provvedimento che permette all’Amministrazione di abbassare la Tari sia per le utenze domestiche che non domestiche.

La manovra è stata possibile grazie all’approvazione del Piano Economico Finanziario da parte del Consiglio Comunale. Lo stesso organo istituzionale ha deliberato alcune agevolazioni che incidono, sulle imprese, per il 40% o il 60% sulla tariffa da pagare. Il sostegno non è rivolto solo alle attività commerciali, ma anche alle utenze domestiche che, per il 2022, si sono viste diminuire del 4.20% circa la Tari, una applicazione al ribasso che è stata adottata grazie al recupero dell’evasione fiscale.

La riduzione della Tari e le agevolazioni sono stata applicate anche se quest’anno dal Governo non è arrivato un fondo Tari, questo grazie alla politica prudenziale dell’Amministrazione comunale.

Luca Lolli, assessore all’ambiente e al turismo, ha spiegato che: “per un comune come quello di Marzabotto è importante che le piccole medie imprese restino attive perché sono il collante tra la comunità e il tessuto economico e sociale del nostro territorio, per questo abbiamo deciso come Amministrazione di applicare la riduzione della Tari e le agevolazioni”.

La sindaca di Marzabotto, Valentina Cuppi, ha dichiarato: “Una gestione del bilancio attenta unita al contrasto dell’illegalità fiscale ci ha permesso anche in questo 2022 di sostenere le società commerciali e le famiglie. Non era scontato in un momento storico dove i costi delle materie prime incidono anche sull’attività della macchina istituzionale”.

 

 






Articolo precedenteA Casa Cervi il 9 giugno una serata di letture per bambini e famiglie: “Storie di amicizia e di pace”
Articolo successivoPrevisioni meteo Emilia Romagna, mercoledì 8 giugno 2022