“Accogliamo con favore il potenziamento dell’autodromo di Marzaglia, complimenti a chi ha saputo tenere la barra dritta, nonostante l’iter burocratico di tre anni: ancora troppi. Ora auspichiamo un’accelerazione per un’infrastruttura come questa che per Modena, cuore della Motor Valley, è un ulteriore passo verso il completamento di un eco-sistema di forte attrattività, non solo per l’indotto Ferrari.

La Motor Valley, infatti, oggi riconosciuta come brand in molte parti d’Europa, non si è costituita per caso, ma è stato il frutto del duro lavoro, prima delle case automobilistiche e poi di un importante lavoro di rete e di valorizzazione delle tante attività di connessione tra i vari brands e le università, la nascita del Muner ne è un tassello importante.

La rapidità d’azione, in un’economia dove le filiere stanno sempre più ridisegnando i perimetri del loro business, è fondamentale e questa progettualità si sposa con il dinamismo di un territorio importante per la sua dimensione manifatturiera, che tutti ci invidiano e che necessita di questa struttura per valorizzare una volta di più le competenze generate dall’intera comunità”.

 

Articolo precedenteNotte Rossa, in migliaia per la festa. Anche dall’estero per la due giorni ricca di motori e spettacoli
Articolo successivoUnione Appennino Reggiano: oltre 20.000 presenze attese in Appennino questa estate per gli eventi sportivi