Nella mattinata odierna, su delega di questa Procura della Repubblica, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Carpi hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.l.P. presso il Tribunale di Modena su richiesta del Pubblico Ministero, nei confronti di due persone, un 28enne e una 27enne, indagate per cinque rapine aggravate in concorso, tre consumate e due tentate, avvenute da gennaio ad aprile 2022 nei comuni di Concordia sulla Secchia, San Possidonio e Mirandola, e che hanno fruttato un profitto illecito di circa 1.400,00 euro.

Il provvedimento cautelare è stato emesso all’esito di un’articolata attività d’indagine condotta dall’Arma di Carpi a partire dal primo episodio del 23 gennaio 2022. In quella data due persone travisate, una delle quali armata di pistola, si erano fatti consegnare l’incasso di 400 euro circa dai gestori di un bazar di Mirandola. A distanza di poghi giorni, il 29 gennaio, a Concordia sulla Secchia, due persone con il volto coperto, una delle quali armata di pistola, erano entrate in una cartoleria impossessandosi della somma di 450 euro. Il 6 febbraio 2022, con le stesse modalità, era stato rapinato un bar di San Possidonio dove gli autori erano riusciti a sottrarre 550 euro, e successivamente una tabaccheria di Concordia sulla Secchia, ma in questo caso la resistenza del cassiere aveva impedito ai rapinatori di impossessarsi del denaro. L’ultimo reato in ordina di tempo risale al 12 aprile 2022 presso un bar di Concordia sulla Secchia e, anche in questo caso, l’azione delittuosa veniva interrotta dalla resistenza opposta dalla parte offesa.
In questo lasso di tempo, i Carabinieri sono riusciti a raccogliere gravi e precisi indizi di
colpevolezza nei confronti delle due persone destinatarie del provvedimento, che hanno consentito a questa Procura modenese di chiedere al G.l.P. l’emissione dell’ordinanza di misura cautelare, eseguita questa mattina.

Articolo precedenteCovid, 56.166 nuovi casi e 75 decessi nelle ultime 24 ore
Articolo successivoDanni da calamità, accelerazione alle liquidazioni degli indennizzi alle imprese agricole dell’Emilia-Romagna colpite dalle gelate del 2020