Home Sassuolo Oltre 1300 spettatori alla rassegna del Crogiolo

Oltre 1300 spettatori alla rassegna del Crogiolo







Con l’arrivo della bella stagione e l’imminente inizio della Stagione Estiva, la Rassegna culturale 2022 al Crogiolo Marazzi, realizzata dall’Ufficio Cultura del Comune di Sassuolo grazie alla collaborazione con Marazzi Group, si prende un periodo di pausa prima di tornare, con gli ultimi due appuntamenti sempre a cura di Mismaonda, in autunno.

Un bilancio più che lusinghiero per i primi cinque dei sette appuntamenti totali, che hanno portato al Crogiolo Marazzi in complesso oltre 1300 spettatori, con i picchi delle 400 presenze per Tullio Solenghi e le 350 della coppia Paola Gassman-Ugo Pagliai e di Matteo Bianchi.

“In un periodo ancora attraversato dall’emergenza pandemica e ricco d’incognite come quello invernale e primaverile – sottolinea l’Assessore alla Cultura del Comune di Sassuolo Samanta Ruffaldi – riuscire a concentrare così tante persone, al chiuso per uno spettacolo teatrale è possibile solamente se l’offerta è qualitativamente alta ed accattivante. Un lavoro portato avanti con attenzione, dedizione e passione dalle ragazze dell’Ufficio Cultura che ringrazio sinceramente, a nome dell’intera Amministrazione comunale”.

Al termine della pausa estiva la Rassegna 2022 al Crogiolo Marazzi riprenderà in autunno con gli ultimi due appuntamenti:

ad ottobre Ricky Tognazzi sarà protagonista di “La voglia matta di vivere”. Nel centenario della nascita di Ugo, il figlio Ricky Tognazzi che sta lavorando ad un docufilm sul padre dal titolo La voglia matta di vivere, ce ne narrerà le gesta attingendo ai suoi ricordi di vita.

A Novembre, infine Pamela Villoresi porterà in scena “La musica dell’anima – Omaggio ad Eleonora Duse”. Lo spettacolo ripercorre il viaggio di Eleonora Duse sulle vie del teatro e del mondo in un dialogo appassionato tra recitazione e musica, restituendo la vera storia dell’artista, che va molto oltre il rapporto con D’Annunzio ed è piena di luci e ombre capaci di avvincere e sorprendere il pubblico. Una storia che racconta anche la società italiana tra Ottocento e Novecento, con i suoi più grandi protagonisti. Pamela Villoresi ci farà conoscere una grande donna e artista, accompagnando il percorso con la musica dell’epoca.






Articolo precedenteChiuso per una notte in A1 il tratto
Articolo successivoSuperEnalotto: a Castelvetro di Modena centrato un “5” da 32 mila euro