La Provincia di Reggio Emilia ricorda che da domani, sabato 2 luglio, fino a domenica 28 agosto, sull’intero territorio regionale scatta lo stato di “grave pericolosità” per il rischio incendi boschivi deciso dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, d’intesa con Vigili del fuoco e Carabinieri forestali. Il provvedimento stabilisce il divieto assoluto di accendere fuochi o utilizzare strumenti che producano fiamme, scintille o braci, e vieta gli abbruciamenti di residui vegetali e stoppie.

Di conseguenza, anche nei parchi di proprietà della Provincia – quello di Roncolo a Quattro Castella e la Pinetina di Vezzano sul Crostolo – sarà vietato accendere fuochi o utilizzare strumenti che producano fiamme, scintille o braci. In particolare, al Parco di Roncolo il barbecue sarà consentito esclusivamente – e prestando la massima attenzione – alle 4 postazioni in muratura appositamente attrezzate, con divieto assoluto di introdurre griglie a carbonella o analoghi mezzi e strumenti per la produzione di fiamme.

Si ricorda, infine, che all’aumento dei divieti stabilito dalla Regione, corrisponde un inasprimento delle misure di deterrenza: chi viola le norme o adotta comportamenti pericolosi potrà subire sanzioni fino a 10.000 euro. Sotto il profilo penale, è prevista la reclusione da 4 a 10 anni se l’incendio è doloso (provocato volontariamente); ma anche se l’atto risulta colposo (causato in maniera involontaria), per negligenza, imprudenza o imperizia, si può essere condannati a risarcire i danni.

In caso di avvistamento di un incendio boschivo chiamare il 115 (Vigili del Fuoco).

Per la segnalazione di illeciti e di comportamenti a rischio: 1515 (emergenza ambientale dell’Arma dei carabinieri-specialità Forestale).

Articolo precedenteViolenza di genere e la forza delle donne, inaugurata la mostra al Poliambulatorio Ausl di Zocca
Articolo successivoCovid, 86.334 i positivi in Italia, 72 le vittime nelle ultime 24 ore