Sono stati approvati dalla Provincia di Modena i primi piani urbanistici generali per i Comuni di Montefiorino, Palagano e Prignano, che potranno quindi rendere operative le scelte urbanistiche dei propri territori conformando gli attuali regolamenti urbanistici e i piani strutturali comunali al nuovo strumento di pianificazione previsto dalla legge regionale 21 del 2017.

Per Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena «si tratta di un grande passo avanti nella pianificazione territoriale, che semplifica gli attuali strumenti urbanistici e che rende più agevole il processo di crescita delle nostre comunità. Con il parere espresso dal nostro ente, Montefiorino, Palagano e Prignano saranno i primi tre Comuni dell’intera provincia ad adottare questo nuovo strumento, cogliendo l’opportunità di sviluppo che rappresenta».

I piani urbanistici generali introducono alcuni obiettivi di assoluta novità, tra cui il contenimento del consumo del suolo, inteso quale bene comune e risorsa non rinnovabile, l’agevolazione dei processi di rigenerazione urbana dei territori urbanizzati e di miglioramento della qualità urbana ed edilizia, con particolare riguardo alle condizioni di vivibilità delle aree urbane anche in termini di qualità ambientale ed ecologica e la tutela e valorizzazione del territorio nelle sue caratteristiche ambientali e paesaggistiche favorevoli al benessere umano e alla conservazione della biodiversità e di habitat naturali.

Per il sindaco di Palagano Fabio Braglia «dopo un lavoro lungo e sofferto per realizzare il psc e rue e poi trasformarli in pug, oggi siamo fieri di essere tra i primi comuni a mettere in campo uno strumento che, ci auguriamo, possa aiutare e semplificare le pratiche urbanistiche per i nostri cittadini e portare sia i nostri centri abitati che le zone rurali ad accogliere nuove famiglie e nuove attività puntando allo sviluppo e crescita dei nostri territori di montagna. Un ringraziamento ai professionisti, ai tecnici comunali al coordinatore ed a tutti coloro che in questi anni hanno lavorato in sinergia per raggiungere questo importante risultato».

Il Comune di Montefiorino ha già provveduto all’approvazione del pug in consiglio comunale lo scorso 9 luglio, mentre il Comune di Prignano darà attuazione al piano urbanistico generale nelle prossime sedute, così come il Comune di Palagano.

Per il sindaco di Montefiorino Maurizio Paladini «si tratta di un risultato importante per la valenza intercomunale del piano e per le sue ricadute socio economiche sul territorio. Il piano valorizzerà la tutela e il riuso del patrimonio edilizio esiste, dei beni culturali e paesaggistici, nel rispetto dell’ambiente e limitando il consume di suolo al 3 per cento del territorio urbanizzato come stabilito dalla legge. L’iter di elaborazione è stato avviato nel 2004 con il  psc e il rue, entrambi adottati dal Comune di Montefiorino nel 2017 e quindi conformati alla legge regionale 24 trasformandoli in pug».

Anche il sindaco di Prignano Mauro Fantini sottolinea che «Prignano ha condiviso il percorso di costruzione del nuovo strumento urbanistico insieme a Montefiorino e Palagano e procederà all’approvazione del pug dopo l’estate. Si tratta di uno strumento di grande rilevanza per il nostro territorio che getta le basi per un suo sviluppo sostenibile e per incentivarne e mantenerne il presidio antropico».

La legge regionale 24 del 2017, che disciplina la tutela e l’uso del territorio, ha comportato una significativa rivisitazione e riforma del sistema della pianificazione territoriale ed urbanistica introducendo, fra l’altro, nuove forme e contenuti degli strumenti urbanistici comunali. I Comuni che prima dell’entrata in vigore della presente legge abbiano adottato il Piano strutturale comunale (psc) e il regolamento urbanistico ed edilizio (rue) possono unificare e conformare le previsioni dei piani al pug, che la Provincia di Modena autorizza con eventuali prescrizioni e indicazioni.

 

 

 

 

Articolo precedenteLama Mocogno: autofurgone si ribalta su di un fianco, conducente estratto dai vigili del fuoco
Articolo successivo“ViVi il Verde”, bando per i Comuni: fondi per la valorizzazione di parchi e giardini storici