Impegnare il presidente della Provincia di Modena a rappresentare e sollecitare in sede di conferenza territoriale socio sanitaria l’Ausl per dar corso il più rapidamente possibile all’avvio dei lavori per la realizzazione della terapia semintensiva multispecialistica pneumologica all’ospedale Santa Maria Bianca di Mirandola e di potenziare l’area del Pronto Soccorso dell’ospedale.

E’ quanto contenuto nell’ordine del giorno presentato dal consigliere Antonio Platis ed emendato dalla consigliera Monja Zaniboni nel corso delle seduta del consiglio provinciale di mercoledì 20 luglio e approvato all’unanimità dai presenti.

In particolare, nel documento si evidenzia come “nella programmazione degli investimenti sull’ospedale San Maria Bianca di Mirandola presentata in sede di conferenza territoriale socio sanitaria il 18 gennaio 2022, si prevedeva per marzo 2022 l’avvio dei lavori di attivazione di quattro posti letto di terapia semintensiva afferenti all’unità pneumologica, ma a vocazione multispecialistica e al contempo la realizzazione di un nucleo nuovo di medicina d’urgenza con otto posti letto, sempre con avvio dei lavori indicata per marzo 2022”.

Inoltre era prevista la realizzazione della terapia semintensiva multispecialistica pneumologica, un investimento che “permetterà al Santa Maria Bianca di essere qualificato e di diventare ospedale di riferimento per la zona nord della provincia, Carpi compreso, per questa specialità”.

Per queste ragioni, l’ordine del giorno sollecita un impegno attivo da parte della Provincia affinchè si possa dar corso alla fase realizzativa di quanto previsto, come ribadito anche dai due consiglieri nel corso del dibattito.

 

Articolo precedenteTerna, a Cagliari la prima edizione del Master del Tyrrhenian Lab
Articolo successivoCarceri, reinserimento sociale e nel mondo del lavoro, bando regionale per orientamento e corsi di formazione