Questa mattina i tecnici Arpae sono intervenuti nella sede della ditta Nuova Zincatura Modenese, in via delle Nazioni 124, dopo che una cisterna che conteneva circa 200 litri di acido cloridrico è stata danneggiata da un muletto, con la conseguente fessurazione che ha provocato la fuoriuscita di acido cloridrico al 30%.

Sul posto erano presenti anche la Polizia municipale, i Carabinieri, un’ambulanza e un tecnico di Hera, che hanno presenziato alle operazioni di messa in sicurezza della zona durante l’intervento dei vigili del fuoco e durante la pulizia interna e dei piazzali.

L’incidente è accaduto alle ore 7, quando la titolare dell’azienda, trasportando all’esterno una cisterna vuota per sostituirla con una piena di acido cloridrico, ha involontariamente provocato la rottura di quest’ultima determinando la fuoriuscita di vapori acidi; inoltre, durante lo spostamento della cisterna rotta nel piazzale dello stabilimento, si è verificato uno sversamento di liquido sia all’interno del capannone sia nell’area cortiliva esterna. Una minima parte dell’acido (circa 200 litri), diluito dalle acque utilizzate per il lavaggio, ha interessato la pubblica fognatura.

I titolari hanno provveduto fin dai primi momenti a tamponare con materiale assorbente il liquido sversato all’interno del capannone e, successivamente, la squadra dei vigili del fuoco intervenuta sul posto ha lavato la pavimentazione esterna e fatto ventilare il locale, per eliminare situazioni di rischio per i presenti, legati in particolare allo sviluppo dei vapori acidi.

L’intervento è proseguito anche nel pomeriggio per completare l’intervento di pulizia della pavimentazione del capannone e del piazzale mediante una ditta autorizzata e contattata dalla proprietà. Data l’esigua quantità di liquido fuoriuscito, peraltro diluito dalle acque di lavaggio e trattenuto in larga parte nel tratto di fognatura aziendale, non si sono verificati danni. Arpae, oltre a presidiare il completamento delle operazioni di messa in sicurezza dell’area, effettuerà controlli documentali relativi al corretto smaltimento del liquido aspirato dal circuito fognario interno e dei materiali assorbenti.

Articolo precedenteSicurezza alimentare: sequestrati dai NAS oltre 370 kg di prodotti alimentari non conformi. Attività sanzionata
Articolo successivoFondi Ue. Secondo sì di Bruxelles: la Commissione europea approva il Programma Fesr della Regione