Venerdì 29 luglio è stato l’ultimo giorno di lavoro in Azienda USL per il dottor Carlo Serantoni, Direttore del Distretto Sanitario di Pavullo dalla fine del 2016. Arrivato a Modena nel 2005 da Bologna, dove ha svolto la sua attività professionale nell’U.O. Rianimazione-118 dell’Ospedale Maggiore. Da operativo nel soccorso territoriale a ruoli di coordinamento della Centrale Operativa 118, ha dedicato sempre grande attenzione agli aspetti procedurali-organizzativi da un lato e a quelli formativi dall’altro.

Nel suo curriculum un’intensa produzione scientifica e di raccolta dati che ha trasferito a Modena nella Centrale di Modena Soccorso, di cui è stato Direttore f.f. dal 2012 fino alla sua chiusura. Co-autore di manuali di rilevanza nazionale (Emergenze extraospedaliere, ed. UTET, Prehospital Trauma Care – PTC di Italian Resuscitation Council – IRC), è stato a lungo membro della Commissione Traumi di IRC ed è a tutt’oggi Direttore del Corso PTC che dirige in numerose sessioni su tutto il territorio nazionale.

L’incarico di Direttore del Distretto di Pavullo nasce proprio a culmine dell’intensa esperienza maturata nell’operatività e nel governo dell’Emergenza Territoriale, da cui sono derivate conoscenze e competenze clinico-assistenziali e gestionali-decisionali sempre poste a vantaggio della grande varietà di temi propri della Direzione di Distretto.

“Concludo un’esperienza stimolante – dichiara Serantoni -. Un grazie sentito a tutti i miei collaboratori, sanitari e del sociale, delle associazioni di volontariato, fino ai sindaci con cui abbiamo costruito una proficua alleanza”.

La Direzione dell’Azienda USL di Modena rivolge al dottor Serantoni un sentito ringraziamento per l’impegno e il grande servizio svolto per oltre 17 anni. Il suo percorso è stato caratterizzato da grande passione, competenza e capacità sempre messe al servizio della collettività. A lui vanno i migliori auguri dell’Azienda per il futuro.

In attesa della procedura di selezione, la direzione del Distretto di Pavullo è stata temporaneamente affidata al dottor Gabriele Romani, Direttore sanitario dell’Ospedale di Pavullo.

 

 

Articolo precedenteNella valutazione dei direttori generali anche gli indici sull’andamento socio-economico dell’Emilia-Romagna e lo sviluppo sostenibile
Articolo successivoLetta “Pronto a incontrare tutti ma no veti ed esclusioni”