Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale è stata discussa ed approvata, con il voto favorevole del gruppo del Partito Democratico, l’astensione di Una Mano per Nonantola e il voto contrario di tutti i gruppi di opposizione, la manovra di salvaguardia al bilancio 2022-2024.

Si tratta di un provvedimento molto importante – spiega l’Assessore al Bilancio Enrico Piccinini – per il nostro Comune, perché dà copertura alle maggiori spese per i consumi energetici (+460 mila euro) e consente di procedere al recupero di Palazzo Salimbeni e Palazzo Sertorio, nel cuore del centro storico, aggiornando i relativi quadri economici a seguito del significativo aumento dei costi nel mondo dell’edilizia (complessivamente ben superiori ai 3 milioni di euro). L’incremento dei costi è finanziato per 2,6 milioni di euro dall’avanzo del Comune di Nonantola e per la quota restante da maggiori trasferimenti.

Con questa manovra mettiamo in sicurezza i cantieri avviati e di prossima apertura – Prosegue Piccinini. Purtroppo il notevole incremento dei costi dell’energia e delle materie prime ci ha imposto l’utilizzo di una quota di avanzo doppia rispetto a quella che avevamo ipotizzato solo pochi mesi fa.

Auspichiamo che il prossimo Governo – conclude l’Assessore – si faccia carico di questa situazione condivisa da tutti i comuni italiani: usare queste risorse adesso significa limitare la capacità di investimento degli enti locali per i prossimi anni. Guardiamo al futuro con la consapevolezza di essere in grado di gestire questa fase complicata, ma anche con accresciuta preoccupazione.

 

 

Articolo precedenteUn nuovo waterfront per Trapani
Articolo successivoNidi modenesi, in arrivo altri 85 posti: la copertura sale al 77%