Home Bologna Donna fermata contromano sull’autostrada Bologna-Firenze e denunciata anche per guida in stato...

Donna fermata contromano sull’autostrada Bologna-Firenze e denunciata anche per guida in stato di ebbrezza







Donna fermata contromano sull’autostrada Bologna-Firenze e denunciata anche per guida in stato di ebbrezzaE’ accaduto la scorsa notte quando, nell’ambito dei consueti servizi di vigilanza predisposti dalla Polizia di Stato, due pattuglie della Sottosezione Autostradale di Bologna Sud sono riuscite con non poche difficoltà a fermare un’auto che stava percorrendo l’autostrada A/1 contromano nel tratto tra Casalecchio di Reno e Sasso Marconi.

La signora di 63 anni si stava dirigendo verso Firenze ma aveva già percorso quasi un chilometro nella direzione sbagliata. In questi casi, quando scatta l’allarme ai numeri d’emergenza 112 o 113 e viene segnalato un veicolo contromano, la centrale operativa attiva le segnalazioni sui pannelli a messaggio variabile e invia tutte le pattuglie disponibili, che si dispongono sulla stessa carreggiata del veicolo che ha preso la direzione sbagliata rallentando il traffico dietro di sé in modalità safety car.

La manovra è riuscita in pochi minuti: le due pattuglie intervenute, attivando come da protocollo anche sirena e lampeggiante, sono riuscite a far invertire la marcia alla conducente dell’auto in tutta sicurezza, scortandola poi all’Area di Servizio Cantagallo Est dove sono proseguiti i controlli.

La donna, poco lucida e agitata, è stata sorpresa alla guida in stato di ebbrezza: l’etilometro non le ha dato scampo, rilevando un tasso alcolemico di 1,46 g/l, quasi tre volte oltre il limite consentito.

I poliziotti, oltre alla denuncia per guida in stato di ebrezza, hanno ritirato la patente alla donna, sottoponendo la sua auto a fermo amministrativo per tre mesi.






Articolo precedenteSassuolo, CNA: Lapo Secciani lascia la carica di presidente
Articolo successivoCasina, venerdì la presentazione del Patto per il Suolo del progetto LIFE agriCOlture con Bonifiche, Parco, Crpa