Un nuovo anno scolastico sta per cominciare e Fondazione Golinelli rilancia il suo impegno per la crescita culturale dei più giovani. Scienza, tecnologia, arte, innovazione e sostenibilità saranno al centro delle iniziative che fino a dicembre coinvolgeranno nei suoi spazi bambini, famiglie e studenti.

«Abbiamo preparato un cartellone di attività per parlare di argomenti complessi ad un pubblico vasto» ha dichiarato Eugenia Ferrara, Vice Direttore di Fondazione Golinelli. «I laboratori, corsi, eventi, seminari e workshop autunnali nascono da due obiettivi connessi, sul solco di quanto fatto nei mesi passati. Saranno un’occasione di diffusione della cultura scientifica tra le nuove generazioni e, al tempo stesso, un’opportunità per fornire una chiave di lettura di ciò che gli accade intorno. Da qui l’attenzione posta alle discipline STEAM, al dibattito sull’informazione scientifica ai tempi del web, la sensibilizzazione sui temi della sostenibilità ambientale e alimentare, il tutto con uno sguardo sempre rivolto all’attualità. Vogliamo stimolare nei giovani curiosità, passione, pensiero critico, creando al tempo stesso, con l’apertura di molte attività anche alle famiglie, occasioni di apprendimento e dialogo intergenerazionale».

Diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale e stimolante saranno gli ingredienti di Aspettando la Notte dei Ricercatori evento del 23 settembre composto da un seminario rivolto a tutti e un laboratorio dedicato a ragazzi tra i 7 e i 13 anni. Organizzato con il CNR, anticiperà la Notte dei Ricercatori, iniziativa che dal 2005 coinvolge migliaia di rappresentanti del mondo accademico in tutta Europa. Il laboratorio proporrà un’attività di storytelling digitale in cui i partecipanti, partendo dall’osservazione di campioni ossei animali, realizzeranno un filmato mediante la digitalizzazione e l’animazione dei personaggi da loro creati, progettando un viaggio “virtuale” attraverso il processo evolutivo. Il seminario sarà incentrato sul tema dell’agricoltura sostenibile e del modo in cui quest’ultima possa affrontare sfide quali l’impatto dei cambiamenti climatici e l’aumento della popolazione, pur rispettando la biodiversità del pianeta.

Anche SalviAMO le api!, evento del 25 settembre, sarà centrato su ambiente e sostenibilità. Le popolazioni di api sono calate drasticamente negli ultimi anni per l’uso di pesticidi, la perdita della biodiversità, i cambiamenti climatici e altri fattori. Il laboratorio sarà dedicato alla scoperta e alla tutela di questi insetti, fondamentali per la vita sulla Terra, e coinvolgerà bambini dai 4 ai 10 anni e le loro famiglie in Piazza Maggiore, durante il Festival Francescano. Attraverso l’uso di uno stereomicroscopio e di kit scientifici i partecipanti scopriranno la morfologia e i comportamenti di queste laboriose creature che danno vita col loro operato a numerose risorse (miele, pappa reale, polline, propoli, cera).

La sostenibilità, questa volta anche alimentare, sarà al centro di La Scienza in Tavola, iniziativa in collaborazione con Alce Nero che si terrà dal 17 al 21 ottobre tra l’Opificio Golinelli, le Serre dei Giardini Margherita e le scuole aderenti. Punto di partenza
delle attività sarà la Carta di Milano, redatta in occasione di Expo Milano 2015, che vede proprio nell’azione collettiva dei cittadini, assieme ad aziende e istituzioni, una delle condizioni essenziali per vincere le grandi sfide connesse al cibo. L’iniziativa culminerà il 20 ottobre in un grande evento divulgativo aperto al pubblico, con laboratori per bambini e ragazzi. Non mancheranno le rassegne periodiche dove ricercatori ed esperti in ambito scientifico dialogheranno con i partecipanti sulla figura degli scienziati e sul ruolo della scienza, dall’antichità ai giorni nostri, come strumento di conoscenza, condivisione e
discussione.

Dal 1° ottobre torneranno i laboratori del sabato intitolati Racconti di Scienza e rivolti a partecipanti dai 4 ai 13 anni. Il ciclo sarà incentrato su vita e aneddoti di figure che hanno contribuito ai progressi scientifici. Particolare attenzione sarà data alle donne che hanno rivoluzionato il mondo della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica. I partecipanti potranno capire come le discipline scientifiche siano cambiate nel tempo, calandosi nei panni di studiosi di epoche diverse e sperimentandone alcune scoperte. Il ciclo, che conta un totale di 10 appuntamenti, continuerà oltre l’autunno, terminando il 17
aprile.

I seminari Parola della Scienza si soffermeranno sul ruolo di quest’ultima nel fornire strumenti per comprendere e gestire l’incertezza. Grazie ad Internet l’informazione, anche scientifica, circola facilmente e velocemente. Si tratta di una traccia in un flusso continuo, dove gli utenti hanno accesso immediato a contenuti sempre più personalizzati. Bisogna però saper distinguere tra i dati replicabili e le opinioni, imparare a leggere correttamente i contenuti che ci vengono forniti. I seminari, a cui potranno partecipare tutti, forniranno una panoramica su come seguire, valutare e interpretare queste tracce che, online e non solo,
influenzano il dibattito pubblico. Il primo appuntamento, previsto il 29 settembre, si terrà durante la la Biotech Week, settimana di incontri in tutto il mondo per raccontare la scienza a un pubblico vasto ed eterogeneo. L’iniziativa continuerà il 17 novembre con Informazione e dibattito pubblico nell’era digitale, a cui seguirà, nel mese di dicembre, l’evento conclusivo della rassegna.

Tornano infine a ottobre, per stimolare ed alimentare la passione e il consolidamento delle competenze dei più giovani, i progetti Golinelli STEAM Club e Obiettivo Università. Il primo prevede un ampio programma di attività, sincrone e asincrone, che darà ai giovani tra gli 11 e i 16 anni la possibilità di esplorare le numerose declinazioni delle discipline STEAM, personalizzando la fruizione sulla base delle attitudini e degli impegni personali.
Il secondo è invece un percorso annuale che aiuterà gli studenti del triennio finale delle scuole secondarie di secondo grado nel consolidamento delle competenze di base e nell’orientamento alla scelta dei percorsi universitari, grazie ad incontri con esperti
e la condivisione di esperienze con tutor qualificati e gli altri partecipanti.

Per maggiori informazioni sul programma completo e per le iscrizioni alle singole iniziative è possibile consultare il sito ufficiale di Fondazione Golinelli: www.fondazionegolinelli.it.





PER LA TUA PUBBLICITA'
0536 807013

Articolo precedenteSpiagge, il presidente della Regione e l’assessore regionale al Turismo incontrano i rappresentanti degli operatori balneari
Articolo successivoEnergia, Conte “Serve un piano di acquisto comune a livello europeo”