foto dei ragazzi con il sindaco Bruno Pasquini

Da diversi anni l’Associazione territoriale per l’integrazione Passo Passo, organizzazione di volontariato che opera sul territorio metropolitano di Bologna a favore di persone con disabilità, indipendentemente dalla tipologia e dall’età, a sostegno delle loro famiglie.

Una di queste iniziative sono le “settimana di fine estate” che l’Associazione ha promosso a Monzuno al camping “Le Querce”, gestito dalla Cooperativa sociale “TUM SO”, dove i ragazzi hanno potuto vivere una esperienza di integrazione sociale, e che in pochi giorni ha avuto una adesione altissima.

Il “team” che ha seguito i ragazzi e condotto le varie attività era formato da un educatore, peraltro esperto di vita in campeggio per la sua lunga esperienza di capo-scout, con il ruolo di coordinatore e di referente per tutto il gruppo, e da 3 giovani e motivate operatrici (di cui 2 del territorio), in fase di formazione educativa universitaria. Particolare apporto di grande utilità è stato dato da un gruppo di genitori e di volontari della Protezione Civile, con in Sindaco stesso
in persona, prima con il montaggio del grande “tendone comunitario” e poi nel contribuire a sistemare le varie tende intorno, e nello smontaggio finale.
Le condizioni atmosferiche da una parte hanno un po’ scombinato i programmi, dall’altra hanno favorito l’improvvisazione di altre interessanti attività di gruppo.

Il ritrovo finale con i ragazzi e i loro genitori ha sancito ancora una volta la straordinarietà di un’esperienza di questo tipo, soprattutto dal punto di vista educativo, sia nel bene che nel male, come in tutte le cose e i contesti di vita comunitaria, ma sicuramente facendo maturare una capacità personale nell’affrontare gli eventi in autonomia dalla famiglia e nel sapersi misurare e autogestire personalmente, ma soprattutto contribuendo ad un
sapersi meglio relazionare con altri per un’adeguata “socialità.





PER LA TUA PUBBLICITA'
0536 807013

Articolo precedenteShine on Bertola: our re-generation
Articolo successivoIn Emilia-Romagna la distribuzione automatica è solidale