Sabato 10 settembre alle ore 21 si terrà l’imperdibile concerto del Quartetto d’Arpe ARPE DIEM, straordinaria formazione costituita da quattro arpisti di fama internazionale.

Nella suggestiva cornice del Palazzo dei Principi di Correggio, il Quartetto ARPE DIEM omaggerà il pubblico con “Arpa Fantastica”, un raffinato programma che prevede, tra gli altri, una fantasia sui brani più celebri di Giuseppe Verdi, alcuni estratti da Le Quattro Stagioni di Vivaldi e la Suite da “Lo Schiaccianoci” di Tchaikovsky, tutte in versioni trascritte per quartetto d’arpe.

I quattro arpisti che formano l’ensemble Arpe Diem sono: Davide Burani, Donata Mattei, Duccio Lombardi e Federica Sainaghi.

 

DAVIDE BURANI Diplomato in pianoforte e in arpa, ha conseguito con il massimo dei voti e la lode il Diploma superiore di secondo livello in arpa presso il Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma, sotto la guida di Emanuela Degli Esposti. Ha compiuto studi di perfezionamento in arpa con Judith Liber, imponendosi in numerosi concorsi Nazionali ed Internazionali (finalista con menzione d’onore al “Tournoi International de Musique” XI edizione a Salon de Provence – Francia e vincitore assoluto del “Music World” di Fivizzano ed. 2004).

Collabora con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, con l’Orchestra della Radio Svizzera Italiana di Lugano, con I Virtuosi Italiani, con l’Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini, con Gli Archi Italiani, con I Musici di Parma, con l’Orchestra Bruno Maderna di Forlì, etc. Dal 2005 è docente di arpa presso l’Istituto Diocesano di Musica Sacra di Modena e dal 2009 presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri” di Reggio Emilia.

 

DONATA MATTEI Nata a Milano, si diploma giovanissima presso il Conservatorio “Gioachino Rossini” di Pesaro nel 1987. Vincitrice nel 1989 di una Borsa di studio bandita dalla C.E.E. nell’ambito delle Attività per la formazione professionale, si diploma presso la “Scuola di Alto Perfezionamento Musicale” con sede a Saluzzo (Cn), sotto la guida degli insegnanti J. Liber e G. Albisetti. Successivamente si perfeziona con i Maestri Maria Oliva de Poli, Luisa Prandina e Fabrice Pierre. Dal 1991 al 1998 si trasferisce a Malta dove ricopre il posto di Prima Arpa presso Orchestra Nazionale della Repubblica di Malta. Negli stessi anni è titolare della cattedra di arpa presso il Conservatorio “J. Strauss” a La Valletta (Malta), preparando regolarmente gli allievi a sostenere esami presieduti da una commissione esterna riconosciuti presso la “Royal School of Music” di Londra. Nel 1995 è finalista al Concorso per il posto di Prima Arpa presso il Teatro alla Scala di Milano (Direttore principale: R. Muti) ed ottiene l’idoneità presso l’Orchestra Nazionale della Rai. Dal 2012, dopo aver vinto l’audizione presso il Teatro Lirico di Cagliari, inizia una collaborazione. Svolge un’intensa attività concertistica sia come solista che in formazioni da camera. Nel 2005 si laurea in Architettura presso il Politecnico di Milano.

 

DUCCIO LOMBARDI si è esibito come solista a St. Martin in the Fields a Londra, al Gran Teatro Nacional A. Asturias di Città del Guatemala e, dal 2000 al 2013, al Musikverein di Vienna nel concerto K299 di W. A. Mozart. In duo con la flautista Karin Leitner ha suonato intensamente in Austria, Francia, Irlanda, Inghilterra e Sudafrica dove hanno eseguito il Concerto per flauto e arpa di D. Punshon con la Cape Town Philharmonic Orchestra. Con l’English Quartet ha suonato al London Festival of Chamber Music, in varie formazioni cameristiche ha registrato ed eseguito dal vivo per Octandre Musica Attuale. Ha ricevuto primi premi presso concorsi nazionali e internazionali: il Primo Premio Assoluto al Concorso Schubert ed il premio A. Z. Propes al 13° International Harp Contest in Israel. Ha collaborato con l’Orchestra Sinfonica del Teatro alla Scala, l’Orchestra Nazionale della RAI, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, l’Orchestra Sinfonica Portoguesa, l’Orchestra del Teatro Regio di Torino, l’Orchestra del Teatro Regio di Parma e la Israel Philharmonic Orchestra. Si è diplomato con il massimo dei voti al conservatorio “G. Verdi” sotto la guida del Maestro Giuliana Albisetti e si è perfezionato presso la Rubin Academy dove ha conseguito l’Artist Degree con Extreme Excellency, oltre ad aver vinto borse di studio per la Manhattan School of Music, la Boston University, il Mannes College di New York e il New England Conservatory. Recentemente si è accostato alla musica elettronica incidendo l’album Shape of Fear and Bravery con Suz e il Reverendo M, al jazz suonando al gala del Reggio Jazz Festival e al canto armonico tibetano dal quale trae immenso piacere.

 

FEDERICA SAINAGHI ha iniziato lo studio dell’arpa con G. Albisetti ed ha conseguito il diploma presso il conservatorio “G. Verdi” di Milano con il massimo dei voti, nella classe di A. Melegari.

Si è perfezionata al conservatorio di Antibes in Francia sotto la guida di E. Fontan Binoche, si è successivamente diplomata presso la scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo (ATP) e presso l’Accademia della Scala di Milano.

In seguito ha partecipato a vari stage con importanti arpisti e prime arpe delle migliori orchestre e teatri di fama internazionale, tra i quali: J. Liber, prima arpa della Israel Philarmonic; C. Michelle, prima arpa dell’Opera di Parigi; O. Mazzia prima arpa del Teatro alla Scala.

È vincitrice di numerosi concorsi nazionali ed internazionali, tra cui UFAM di Parigi e concorso Schubert.

Collabora come prima arpa in importanti orchestre: Internazionale d’Italia, Accademia della Scala, I Pomeriggi Musicali, Verdi di Milano, Teatro Regio di Parma, Teatro Regio di Torino, Radio Svizzera Italiana di Lugano.

Svolge un’intensa attività come solista e in formazioni cameristiche (Ensemble 900 di Lugano, Archi della Scala e altri) in Italia e all’estero, ha ultimamente svolto una tournée in Oriente dove ha tenuto concerti in importanti teatri cinesi, thailandesi e coreani.

Affianca alla carriera concertistica l’insegnamento dell’arpa presso le scuole Steineriane di Milano.

Articolo precedentePer Mustafa e Munzir El Nezzel inizia a Budrio il lungo percorso riabilitativo e di integrazione
Articolo successivoA Modena inizia la scuola per 129 ragazzi ucraini