Chiude oggi a Prignano MeetER, il convegno che per un fine settimana ha riunito i giovani volontari della Croce Rossa (dai 14 ai 32 anni) provenienti da tutta la regione Emilia Romagna, per un week-end di formazione, divertimento e condivisione di idee. Tema del convegno di quest’anno è “Cittadinanza attiva”.

Complessivamente, sono 250 le persone che hanno preso parte a questo appuntamento. Ai ragazzi provenienti da tutta l’Emilia Romagna, si sono aggiunti docenti e personale proveniente da diverse regioni d’Italia, dal Piemonte alla Calabria, per una vera e propria due giorni di formazione, confronto e festa. Molto successo, tra le varie iniziative, ha avuto la cosiddetta “living library”, che dava la possibilità ai giovani volontari di prenotare un “libro vivente” per un’ora, ovvero un colloquio con un esperto volontario. Ma i corsi hanno riguardato anche la comunicazione, l’ascolto attivo, la negoziazione, la mediazione e tanto altro.

Ieri sera, sono intervenuti tra gli altri all’evento anche l’assessore regionale Paolo Calvano, il presidente della Provincia di Modena Gian Domenico Tomei e il sindaco di Prignano, Mauro Fantini.

“Il presidente Bonaccini – ha esordito Calvano – mi ha fatto un grande regalo delegandomi a essere qui. La vostra bellezza rende ancor più bella l’Emilia Romagna. La nostra regione non è stata sempre così: ha sofferto e ha saputo affrontare grandi problemi. Voi – ha detto Calvano rivolgendosi ai giovani CRI – siete un pezzo della forza delle persone che popolano questa regione e siete la speranza per il futuro”.

Tomei ha rilevato: “Dedicate tempo a fianco dei più deboli e di chi ne ha bisogno. Grazie per il vostro impegno. Sono certo che il ricordo di questo meeting vi segnerà per tutta la vita”.

Fantini ha ricordato: “Ricordo bene quando nacque il Comitato CRI di Prignano, 25 anni fa. Oggi, sono due gli elementi che vorrei sottolineare. Il primo è il valore delle persone che compongono questo Comitato perché, al di là del territorio che abitano, hanno orgogliosamente sviluppato una realtà riconosciuta e apprezzata da tutta la popolazione. Il secondo concetto che vorrei richiamare è quello della speranza. In un contesto di individualismo soffocante in cui si muove la nostra società, è confortante vedere tanti giovani che rifiutano l’indifferenza e non si voltano dall’altra parte. Voi – ha detto rivolgendosi ai ragazzi CRI – siete la meglio gioventù”.

Il presidente del Comitato CRI di Prignano, Davide Gazzetti, ha aggiunto sempre parlando ai giovani: “La CRI ha bisogno di voi. Dovete sentire sulle vostre spalle la responsabilità di prendere in mano il futuro dell’associazione”.

Samuele Ciccarelli, delegato regionale Giovani della CRI, ha spiegato: “Questa è la quarta edizione di MeetER. E’ un appuntamento a cui teniamo tantissimo, per incontrarci, confrontarci e fare rete. Quando abbiamo proposto Prignano come sede di questo evento itinerante, l’accettazione è stata subito entusiastica.

Siriana Signifredi, vicepresidente regionale vicario della CRI ha poi concluso: “Voi ragazzi, con questo entusiasmo, dove portare avanti la CRI e proseguire il cammino dell’Associazione”.

Articolo precedenteA13 Bologna-Padova: chiusure notturne immissione sulla A14
Articolo successivoLe Forze dell’Ordine vigilano sulle diverse manifestazioni del weekend a Reggio Emilia