Un incidente, una pausa forzata sul proprio cammino, una momentanea disabilità – fisica ed emotiva: un tempo sospeso che può essere l’opportunità di allenarsi alla resilienza e a un nuovo modo di elaborare e vivere le emozioni.

Filippo Neviani, in arte Nek, dialoga a cuore aperto con Paola Saluzzi, portando una testimonianza che dall’esperienza personale si allarga fino a rinnovare una promessa di amore verso il prossimo. Una conversazione che esplora l’abisso della vulnerabilità e il suo lato più luminoso: una nuova capacità d’empatia, una solidarietà ritrovata, la consapevolezza di appartenere a una comunità umana, e quindi fragile. Un risveglio verso l’alterità.

Filippo Neviani incontra il pubblico nella sua Sassuolo e per la prima volta al festivalfilosofia, sabato sera 17 settembre dalle ore 22 in piazzale della Rosa.

In caso di pioggia la location dell’evento sarà la tensostruttura di Piazzale Avanzini.

Articolo precedente“Io di te non ho paura: presente e futuro del Codice Rosso”: convegno a Sassuolo l’11 ottobre
Articolo successivoDistretti commerciali come strumento per valorizzare e rigenerare il territorio. Evento Lapam giovedì 15 a Vignola