L’associazione “Amici del Cuore” di Correggio ha donato all’Ospedale San Sebastiano un eco cardiografo di ultima generazione del valore di 98mila euro. Si tratta di uno strumento all’avanguardia che permette di eseguire esami molto accurati migliorando sia la parte diagnostica che le indicazioni terapeutiche.

“L’associazione – spiega il presidente Aimone Spaggiari – durante il lockdown non ha mai interrotto la sua attività e ha continuato a raccogliere fondi tra privati cittadini, gruppi, associazioni e aziende con l’obiettivo di consentire di migliorare l’offerta di servizi per i cittadini del territorio”.

“L’attività ambulatoriale cardiologica del San Sebastiano, al pari dell’attività ambulatoriale svolta dall’Unità Operativa della Cardiologia Ospedaliera di cui fa parte – spiega il direttore della Cardiologia Ausl, dottor Alessandro Navazio – non si è mai fermata negli ultimi anni a eccezione del periodo del lockdown del 2020 dove era stata data l’indicazione regionale alla chiusura. Il nuovo ecografo va ad ampliare il parco macchine in dotazione all’ospedale di Correggio e in particolare alla U.O.S. Cardiologia e Riabilitazione Cardiologica di Area Nord. Lo strumento consente di eseguire esami di alta qualità sia per i pazienti ricoverati che per quelli ambulatoriali che possono così essere messi in rete ed essere visualizzati e studiati in remoto, permettendo un’analisi condivisa dei casi e l’ottimizzazione dei percorsi diagnostico-terapeutici”.

La consegna dell’attrezzatura è avvenuta ieri a Correggio. Presenti oltre agli esponenti dell’Associazione, il dottor Giorgio Mazzi, direttore del Presidio ospedaliero provinciale Santa Maria Nuova, la dottoressa Morena Pellati, direttrice del Distretto di Correggio, la dottoressa Angela Accardo, direttrice del San Sebastiano, il dottor Antonio Di Mare, direttore ospedaliero area Nord-Ovest, la responsabile della Cardiologia di Area Nord dottoressa Elisa Guerri, il dottor Mirco Lusuardi, il dottor Luigi Franchi, la dottoressa Morena Martinelli e le coordinatrici infermieristiche.

“Ringraziamo di cuore l’associazione – ha detto il dottor Mazzi – per questa generosa donazione e per la costante disponibilità dimostrata nei confronti dell’Ospedale di Correggio, segno di un forte interesse per la Sanità Pubblica presente sul territorio”.

 

Articolo precedenteIl Generale Angrisani in visita di commiato al Comando Carabinieri di Reggio Emilia
Articolo successivoFormigine sempre più europea con l’ingresso nella rete BELC