È stata un successo la 17^ edizione della manifestazione “Parmigiano Reggiano da gustare”, la principale rassegna della montagna modenese dedicata al “Re dei formaggi”, organizzata in collaborazione con il Consorzio del Parmigiano Reggiano. La festa, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, della Provincia di Modena e dell’Unione dei Comuni del Frignano, è stata inaugurata sabato 1 ottobre, dalla sfilata con i sindaci della montagna modenese, la banda musicale “G. Rossini” di Lama Mocogno e gli alunni dell’Istituto comprensivo “G. Dossetti”. Ospite d’onore l’assessore regionale all’Agricoltura Alessio Mammi, intervenuto anche venerdì sera al convegno di Slow Food presso una Sala culturale “Agorà” da tutto esaurito.

“L’edizione della ripartenza dopo due anni di sospensione a causa della pandemia ha visto una significativa partecipazione di espositori e di pubblico – commenta il sindaco Giovanni Battista Pasini – . Il successo della manifestazione è anche una conferma ai numeri più che positivi che si sono registrati durante la stagione turistica estiva: si tratta di segnali di un rinnovato interesse verso l’Appennino e le sue eccellenze che vogliamo e dobbiamo saper cogliere, perché ne possa beneficiare tutto il territorio del Frignano”.

Le giornate di sabato e domenica sono trascorse tra degustazioni di Parmigiano Reggiano e di aceto balsamico tradizionale, stand gastronomici ed eventi all’insegna delle tradizioni locali e dei prodotti tipici.

All’insegna della novità è stata la 1^ edizione del “Palio della Scalinata”, mentre si è confermato il classico appuntamento del concorso del pane fatto in casa. Gli antichi mestieri e la mostra di cartoline storiche della collezione “Ermes Pinotti” sono stati affiancati dall’inaugurazione dell’esposizione di arte contemporanea “I colori della montagna”, di Leonardo Santoli.

Spettacoli e animazioni per grandi e piccini – come il concerto del Corpo bandistico “G. Rossini”, l’esibizione del Gruppo folkloristico di Barigazzo, la ludoteca de “Il Tarlo”, i laboratori per bambini e ragazzi, lo show con luci e fuochi “Lux Arcana” e le animazioni del Circo viaggiante de “I giullari del 2000” – hanno contribuito a rendere unica e indimenticabile la festa ritrovata “Parmigiano Reggiano da gustare”.

 

 

Articolo precedenteAl via l’edizione 2022 del Modena Organ Festival
Articolo successivoSuccesso per Tecna. Prossimo appuntamento al 2024