Il Segretariato del Ministero della Cultura per l’Emilia-Romagna, organizza due giornate con visita guidata all’Oratorio di San Giovanni Battista dei Fiorentini, a Bologna in corte Galluzzi 6, il 13 e il 20 ottobre.

Architetti, storici dell’arte e archivisti del ministero illustreranno gli aspetti più ignoti e importanti dal punto di vista storico ed architettonico che caratterizzano l’Oratorio, un gioiello dell’architettura barocca bolognese che si cela dietro le facciate anonime del palazzo, caratterizzato dalla grande sala voltata decorata da pitture ed effetti prospettici.

Nel corso delle visite guidate interverranno inoltre Mons. Stefano Ottani, Vicario Generale per la Sinodalità dell’Arcidiocesi di Bologna, proprietaria dell’immobile e Marco Cavalieri, Direttore Generale Real Estate Banca di Bologna che oggi ha in uso l’Oratorio come sala di rappresentanza. Giovedì 20 ottobre parteciperà a chiusura dell’iniziativa anche l’arch. Corrado Azzollini, Segretario regionale del Ministero della cultura.

Le visite, gratuite e a numero chiuso, avranno una durata di un’ora e un quarto circa e si articoleranno su due giornate, il 13 e il 20 ottobre, con inizio alle ore 18.30. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA inviando mail all’indirizzo: sr-ero.comunicazione@cultura.gov.it specificando il giorno di visita prescelto, i nomi dei partecipanti e lasciando un recapito telefonico per eventuali informazioni last minute. Le prenotazioni dovranno pervenire entro le ore 13 dei giorni in cui avrà luogo di visita guidata. Si raccomanda di arrivare in anticipo per registrare la propria presenza. La sala affrescata è posta al primo piano ed è raggiungibile solo tramite scala. I partecipanti sono tenuti all’attenta osservanza delle norme anti-Covid.

Le due aperture straordinarie del Segretariato del Ministero della Cultura si svolgono in concomitanza con quelle relative al progetto realizzato da Banca di Bologna, Dipartimento di Beni Culturali dell’Alma Mater Studiorum e Pinacoteca Nazionale di Bologna per riportare, per un breve periodo di tempo, la pala seicentesca “La nascita del Battista” di Sebastiano Ricci nella sua sede originale: l’Oratorio dei Fiorentini.

Articolo precedenteAllegri “In questo momento serve qualcosa in più”
Articolo successivoUcraina, Meloni “Difendere chi si batte per la libertà”