Per il primo pomeriggio di sabato 22 ottobre, la Consulta comunale della bicicletta di Bologna, il Tavolo metropolitano della mobilità attiva e l’associazione Salva Ciclisti di Bologna hanno organizzato un evento a San Giovanni in Persiceto per ricordare Andrea Fregni, investito da un mezzo che poi si è dato alla fuga senza fermarsi.

Altro episodio che ha destato l’attenzione degli organizzatori, l’investimento di una ragazza appena ventenne avvenuto sempre a San Giovanni in Persiceto, mentre attraversava le strisce pedonali. Questa volta l’auto investitrice si è fermata e la conducente ha chiamato i soccorsi. Purtroppo la giovane si trova ancora ricoverata in gravissime condizioni.

Sul luogo dove è stato trovato il corpo esanime di Andrea Fregni, verrà deposta una bicicletta bianca in suo ricordo.

Per quanto riguarda le indagini del primo episodio, condotte dai Carabinieri della Compagnia di San Giovanni in Persiceto, l’8 ottobre scorso, grazie alla segnalazione di un passante, è stato rinvenuto il cadavere di Fregni Andrea del quale, qualche giorno prima, ne era stata denunciata la scomparsa dalla sorella che era preoccupata dal fatto che non sentiva il fratello da alcuni giorni. Le indagini svolte dai militari impegnati hanno permesso di individuare la tipologia del veicolo che, dopo aver investito l’anziano, si è dato alla fuga. Si tratta di un furgone, marca Ford, modello Transit Custom. Qualora vi siano dei testimoni che pensano di aver notato qualcosa di utile rispetto all’accaduto, sono invitati a rivolgersi ai Carabinieri della Compagnia di San Giovanni in Persiceto – Via della Zoia nr. 55, Tel. 0516874600

Articolo precedenteCLAI e le Macellerie del Contadino protagonisti al Baccanale 2022
Articolo successivoMei “Con il partenariato pubblico-privato si rilancia il Paese”