Un’aggressione verbale, con minacce e insulti verso gli operatori, si è verificata questo pomeriggio al Pronto Soccorso di Mirandola. Durante l’esecuzione di alcuni esami di approfondimento diagnostico, un paziente ha dato in escandescenza gettando a terra alcuni materiali presenti all’interno dell’ambulatorio. A ciò ha fatto seguito la reazione dell’accompagnatore, il quale ha proferito parole violente verso i professionisti e colpito con pugni e calci la porta e la vetrata del triage infermieristico. La situazione è rientrata solo con l’intervento delle forze dell’ordine, giunte in PS su richiesta degli operatori.

 Siamo costretti a registrare l’ennesimo episodio violento, anche in questo caso per fortuna solo verbale, ai danni di professionisti sanitari – dichiara Anna Maria Petrini, Direttrice Generale dell’Azienda USL di Modena –. Questi atteggiamenti di prevaricazione e aggressività, sempre intollerabili e deprecabili, lo sono ancora di più se rivolti verso chi lavora, per giunta in un contesto delicato e importante come quello di Pronto Soccorso. L’Azienda è al fianco dei suoi operatori, ai quali va la massima vicinanza per questo episodio“.

“È molto grave quando si aggredisce chi lavora, a maggior ragione se si tratta di personale sanitario impegnato nella tutela della salute dei cittadini.” E’ con queste parole che arriva la ferma condanna del Sindaco di Mirandola Alberto Greco, a nome dei cittadini e dell’Amministrazione comunale a seguito dell’aggressione avvenuta oggi pomeriggio al pronto Soccorso dell’Ospedale Santa Maria Bianca di Mirandola a danno di operatori sanitari intenti nel lavoro. “Episodi del genere oltre che deprecabili sono intollerabili. Agli operatori aggrediti verbalmente come a tutto il personale, manifestiamo la nostra vicinanza.” 

Articolo precedenteConte “Non portiamo rancore al Pd ma ci sia lealtà”
Articolo successivoTre stelle Michelin a Cannavacciuolo, 38 new entry nella Guida