Risplenderà nel suo luogo originario il Crocefisso della Chiesa di Marano di Gaggio Montano dopo il restauro ad opera dell’Accademia di Belle Arti di Bologna Scuola di restauro PFP2. La cerimonia di riposizionamento avverrà sabato 12 novembre 2022, alle ore 10:30 presso la Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore di Gesù, in via della Chiesa 11, a Marano di Gaggio Montano (BO). Il restauro ha svelato una scultura policroma proveniente dalla Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore di Gesù ubicata a Marano, sull’Appennino bolognese.

A seguito di numerosi rifacimenti e ammodernamenti dettati da cambi di gusto, era giunta ai restauratori completamente alterata sia dal punto di vista formale che estetico, svilita e trasformata in un’opera ormai irriconoscibile e con un apparente scarso valore artistico e storico. Lo stato di conservazione del Crocefisso era tale da essere occultato in un deposito della sacrestia. L’opera probabilmente sarebbe stata dimenticata se non fosse stato per la segnalazione dell’ex parroco Don Fabio Betti. È stato grazie alla sua sensibilità e al suo interessamento che l’Ufficio beni culturali della Curia Arcivescovile di Bologna ne ha promosso il restauro.

I lavori di restauro hanno portato alla luce la prima ridipintura dell’incarnato, il perizoma dorato originale e svelato l’alta qualità dell’intaglio, caratterizzato da tratti anche aspri e dalla resa di dettagli quali pieghe della pelle, tendini e vene in rilievo. Non essendovi informazioni sull’opera, poiché i documenti dell’archivio parrocchiale sono andati dispersi, le indagini si sono poste l’obiettivo di studiare l’opera, di comprenderne l’iconografia e di collocare la scultura cronologicamente nel contesto della produzione lignea emiliano-romagnola.

Articolo precedenteMigranti, Conte “Il blocco navale urlato da Meloni solo un vuoto slogan”
Articolo successivoVenerdì 11 novembre i Negramaro al Teatro EuropAuditorium di Bologna