Circa 200 persone hanno partecipato alla cena a favore dell’Ant e organizzata dai volontari di Castel d’Aiano; una tradizione per i residenti del comune dell’Appennino bolognese, giunta quest’anno alla 9^ eizione e interrotta solo dalla pandemia.

Sin dalla sua origine la cena è stata pensata per la raccolta fondi a favore dell’Associazione Ant che quest’anno celebra i 20 anni di presenza nel distretto sociosanitario dell’Appennino bolognese. Nelle passate edizioni sono stati raccolti complessivamente 30.000 euro donati all’Ant. Un momento particolarmente toccante è stata l’esibizione dell’arpista Costanza Borsari che ha voluto partecipare ed eseguire con il suo strumento alcuni brani in ricordo di Pietro Degli Esposti, storico presidente della Pro Loco di Castel d’Aiano e uno dei più attivi organizzatori della cena.

In occasione della cena sono state consegnate alla presidente di Ant, Raffaella Pannuti, anche le offerte raccolte dai familiari in occasione del funerale di Pietro Degli Esposti e quella del gruppo teatrale “Andegna o Stegna” di cui lo stesso Degli Esposti faceva parte.

Articolo precedenteJuventus-Lazio 3-0, bianconeri al terzo posto
Articolo successivoUn defibrillatore semiautomatico donato alla Piscina Spiraglio ASD President Bologna