Nuovi uffici, percorsi pedonali e spazi verdi: si presenta così il nuovo Centro Servizi Pepoli di Castiglione che sarà inaugurato sabato 19 novembre alle ore 11.00. Alla cerimonia saranno presenti oltre al sindaco Maurizio Fabbri, il presidente del distretto Sociosanitario dell’Appennino, Alessandro Santoni, il presidente dell’Istituzione servizio Sociali e educativi dell’Unione, la delegata metropolitana alle Politiche sociali, Sara Accorsi e l’assessore regionale al Sociale e alla Montagna, Igor Taruffi.

Il percorso realizzativo dell’edificio è stato un po’ travagliato. I lavori, infatti, sono iniziati nel 2000, ma l’impresa che aveva vinto il bando non è riuscita a portare a termine il cantiere in quanto è fallita; per diversi anni la situazione ha vissuto una fase di stallo anche burocratico, poi con l’elezione dell’attuale Giunta comunale l’area è tornata a disposizione del Comune che si è attivato subito nel reperimento di finanziamenti per poter ultimare i lavori dell’edificio. Sono stati realizzati gli spazi per il centro socioriabilitativo diurno per disabili, il centro donazione sangue e il centro operativo comunale di protezione civile. I lavori sono proseguiti e con altri fondi

In particolare, sono stati importanti i circa 500.000 euro ricevuti grazie al bando per le “strutture socio-sanitarie per le aree rurali” della Regione Emilia-Romagna, è stata qualificata la parte esterna, creando percorsi pedonali e spazi per le attività esterne dei ragazzi che frequentano il centro disabili. Inoltre, al piano terra, sono stati realizzati gli uffici per i servizi sociali distrettuali come o sportello sociale, l’assistenza domiciliare, le assistenti sociali, l’Auser, e altri servizi verranno attivati prossimamente.

Maurizio Fabbri, sindaco di Castiglione dei Pepoli, ha dichiarato: “con questi lavori otteniamo 3 risultati: riqualifichiamo la parte esterna del centro diurno per disabili, aumentando così la possibilità di realizzare attività all’aperto; creiamo un polo socio-sanitario in centro al paese, accessibile a tutti e integrato, così da migliorare i servizi ai cittadini, soprattutto i più fragili; continuiamo nell’azione di rigenerazione nel cuore del capoluogo dopo l’inaugurazione del teatro e del parcheggio. Nel 2023 partiranno, poi, i lavori di riqualificazione del Parco della Rimembranza, via Fiera e via Girotti. Un insieme di interventi che vuole migliorare l’accessibilità, la qualità urbana e creare spazi, sia all’aperto che al chiuso, destinati a tutti i cittadini di tutte le età”.

Articolo precedenteUna nuova esperienza formativa è stata attivata in Unimore, si tratta del programma Erasmus BIP
Articolo successivoSabato a Reggio Emilia l’Arcivescovo Giacomo Morandi ordinerà dieci diaconi permanenti