La Scuola parrocchiale “Sebastiano Corradi” inaugura ad Arceto la sezione nido, accettando la sfida di diventare ufficialmente un Polo d’Infanzia 0/6 al passo con l’innovazione della normativa regionale.

L’appuntamento per tutti coloro che vogliono partecipare è per domenica 27 novembre, a partire dalle 9.45 in via Pagliani ad Arceto. Dopo il saluto delle autorità è previsto il taglio del nastro alle 10 e un piccolo rinfresco. Alle 11 la Santa Messa animata da tutti i bambini della scuola presso la sala polivalente di via Carrobbio.

La scuola intende andare incontro ad un forte bisogno delle famiglie sul territorio accogliendo bambini e bambine dai 12/36 mesi di età. Desidera offrire anche un servizio di continuità educativa, tra Nido e Scuola dell’Infanzia come valore aggiunto, con l’obiettivo di costruire e mantenere nel tempo, una preziosa alleanza educativa tra la scuola e le famiglie, “mantenendo l’ispirazione cristiana”.

Il polo 1/6 anni sarà comunità educante fin dai primi mesi di vita dei bambini e delle bambine: luogo di cittadinanza attiva, luogo di dialogo delle differenze e del contesto sociale.  Il nido fa così parte di una comunità allargata come la scuola che dialoga con il territorio favorendo l’attitudine a percepirsi come contesto, che valorizza anche le scelte culturali familiari.

In una fase di grande incertezza sociale, la sinergia tra pubblico e privato, la fattiva collaborazione tra la  Scuola Corradi e il Comune di Scandiano, ha permesso di dare vita ad un progetto in cui la prima infanzia è priorità per tutta la società civile: fare rete e promuovere la buona qualità delle relazioni come snodo centrale.

Questa estate la struttura è stata interessata da lavori di riorganizzazione che hanno portato alla realizzazione di uno spazio pensato e progettato per accogliere il nido, importante investimento economico e di energie che ha coinvolto la nostra scuola parrocchiale, oggi ancora più orientata al presente e al futuro.

 

Articolo precedenteCastel d’Aiano, quale futuro per le Grotte e cascata di Labante
Articolo successivoBologna: Massimo Bottura & Friends cucinano per i più fragili