Scioperano lunedì prossimo 12 dicembre i dipendenti dell’Ispettorato nazionale del lavoro e di Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro). A Modena sono interessate 46 persone tra ispettori, funzionari e impiegati amministrativi dell’ente territoriale.

Lo sciopero è stato proclamato per l’intera giornata dai sindacati Fp Cgil, Cisl Fp, Uilpa, Flp, Confintesa Fp, Confsal Unsa e Usb p.i., che chiedono la parità salariale con gli altri dipendenti del Ministero del Lavoro e politiche sociali.

«L’elemento perequativo della retribuzione non risulta presente nella legge di bilancio 2023 in discussione – spiegano i sindacati – Allo stato attuale, ai lavoratori dell’Ispettorato del lavoro e Anpal non viene riconosciuta l’indennità di amministrazione concessa agli altri lavoratori dello stesso ministero, pur avendo lo stesso contratto nazionale di lavoro».

L’indennità di amministrazione è una voce classica dello stipendio dei ministeriali, rafforzata a inizio anno da un meccanismo di perequazione che, in base all’inquadramento dei singoli lavoratori, ha portato aumenti da 973 a 1.371 euro annui. Aumenti dai quali i dipendenti dell’Ispettorato del lavoro e Anpal sono stati, per ora, esclusi.

Di qui la protesta scaturita nello sciopero proclamato per lunedì 12 dicembre.

Articolo precedenteAlbinea, confermato anche nel 2022 l’aiuto economico alle società sportive del territorio
Articolo successivoL’11 dicembre a Modena è domenica ecologica