Nella giornata di ieri, personale della Squadra Amministrativa della Questura di Modena ha notificato il provvedimento del Questore, adottato ai sensi dell’art. 100 del TULPS, al legale rappresentante di un esercizio pubblico ubicato in via Nonantolana.

Il provvedimento, della durata di 7 giorni, è frutto di una intensa attività di verifiche effettuata dalla Polizia di Stato e dalla Polizia Locale, in esito alla quale è emerso che il locale è abituale ritrovo di persone note all’Ufficio per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti.

Durante uno di questi controlli è stata anche rinvenuta una modica quantità di sostanza stupefacente di tipo marijuana.

Tali accertamenti hanno concorso a definire, pertanto, una situazione attuale e concreta di pericolosità per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Si tratta di un provvedimento a garanzia dell’ordine e della sicurezza dei cittadini che ha come ratio quella di impedire, attraverso la chiusura del locale, il protrarsi di una situazione di pericolosità sociale. Esso ha altresì la funzione di produrre un effetto dissuasivo su soggetti ritenuti pericolosi i quali da un lato sono privati di un luogo di abituale aggregazione e dall’altro vengono avvertiti che la loro presenza in tale luogo è oggetto di attenzione da parte delle autorità preposte.

L’area rimane oggetto di continui monitoraggi da parte delle pattuglie della Questura, anche per verificare il rispetto della misura.

I controlli agli esercizi pubblici continueranno nei prossimi giorni.

 

Articolo precedenteL’assessore regionale Mammi incontra la Consulta agricola della provincia di Reggio Emilia
Articolo successivoCovid in Emilia-Romagna dal 9 al 15 dicembre: 16.023 nuovi casi, oltre 22mila guariti