Nel pomeriggio del 12 gennaio 2023 i tecnici di Arpae sono stati avvisati da un consigliere del Comune di San Cesario della presenza di acque biancastre e con schiuma in uscita dal depuratore comunale.

Intervenuti sul posto, insieme ai Carabinieri forestali e a Hera, hanno effettuato un campionamento allo scarico del depuratore e uno in ingresso allo stesso; in quest’ultimo si rilevava la presenza di una leggera schiuma.

Si è quindi ipotizzato che l’anomalia allo scarico del depuratore fosse dovuta a un significativo sversamento anomalo in fognatura, proveniente dalla vicina area industriale di via Verdi, con presenza di tensioattivi.

Sono stati pertanto condotti accertamenti e campionamenti sulle reti fognarie della zona industriale, rilevando in alcuni pozzetti fognari la presenza di acque biancastre e in altri di melme tipiche degli scarti del lavaggio.

L’ipotesi che l’origine della problematica verificatasi nel Canal Torbido fosse da ricondurre a uno scarico anomalo in fognatura potrà essere confermata dal risultato delle analisi delle acque prelevate.

Un successivo sopralluogo effettuato venerdì 13 gennaio ha rilevato che nei pozzetti fognari posti all’interno della zona industriale le acque non avevano più le caratteristiche della sera precedente ed erano riconducibili a quelle che normalmente si ritrovano in fognatura.

Relativamente alle acque in uscita dal depuratore, il gestore Hera ha comunicato che già alle 7 di venerdì le acque di scarico erano migliorate. I successivi accertamenti di Arpae hanno confermato che le acque allo scarico, così come quelle delle vasche del depuratore, erano prive di schiuma.

Articolo precedenteViolento schianto sull’Estense a Serramazzoni: 1 morto e almeno 4 feriti
Articolo successivoProcesso Open Arms, Salvini “Rischio 15 anni per avere difeso l’Italia”