A sinistra, il regista Claudio Camarca e a destra, il Comandante Provinciale Carabinieri Bologna, Colonnello Rodolfo Santovito

Questa mattina, presso la Sala “Scantamburlo” della Legione Carabinieri “Emilia-Romagna”, lo scrittore, giornalista e regista cinematografico romano, Claudio Camarca, ha presentato, unitamente al Comandante Provinciale dei Carabinieri di Bologna, Colonnello Rodolfo Santovito, la nuova stagione di “AVAMPOSTI”, una docu-reality realizzata da “Stan By Me”, in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri.

La produzione, giunta alla terza serie incentrata sull’attività dell’Arma territoriale, e in particolare dei Nuclei Operativi (unità investigative a livello di Comando di Compagnia), si propone di mettere in evidenza la presenza della “Benemerita” in territori o aree particolarmente “difficili” (per consentire allo spettatore di entrare in contatto con alcune realtà del territorio poco conosciute, o conosciute solo per stereotipi), e soprattutto di documentare il delicato e silenzioso lavoro che i Carabinieri svolgono tutti i giorni per far rispettare la legge e tutelare i cittadini, senza tralasciare la sfera più intima e umana dei militari.

Questa volta è stata dedicata una puntata interamente a Bologna, raccontando l’attività dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Bologna Centro, chiamati a misurarsi in realtà caratterizzate da degrado e crimine. Per raccontare tutto questo con il massimo del realismo, con un taglio tipico del giornalismo immersivo, tra la fine del mese di settembre e i primi di ottobre, le telecamere del regista Claudio Camarca hanno seguito ininterrottamente il lavoro dei Carabinieri, accompagnandoli per le strade meno appetibili della città metropolitana. Le riprese si riferiscono, in particolare, agli arresti operati dai Carabinieri nei confronti di quattro spacciatori pregiudicati attivi in città (un 47enne senegalese, un 36enne tunisino, un 56enne italiano e un 36enne cileno) trovati complessivamente in possesso di 23 grammi di hashish, 70 grammi di marijuana, 32 grammi di cocaina, 9 grammi di mefedrone, oltre a 3 bilancini di precisione e 850 € in contanti. Gli interventi sono stati condotti con successo nei pressi del “Parco della Montagnola” (dove il 27 settembre sono stati arrestati il 47enne senegalese e il 36enne tunisino), in una via del quartiere “Navile” (dove il 28 settembre è stato arrestato il 56enne italiano) e in una centralissima via del quartiere “Santo Stefano” (dove il 30 settembre è stato arrestato il 36enne cileno).

La puntata andrà in onda sabato 21 gennaio in anteprima streaming su “Discovery+” e, successivamente su “Nove”.

Articolo precedenteIl 23 e 26 gennaio a Modena i notai incontrano i cittadini per parlare testamento e lasciti solidali
Articolo successivoViabilità Appennino: Bretella Reno-Setta o Porrettana riqualificata?