Continua la collaborazione tra il Fondo di Comunità metropolitano “Dare per Fare” e il Gruppo Granarolo che oggi ha donato 13.000 kg di pasta nell’ambito del progetto “Un piatto per tutti” e confermato anche per il 2023 la donazione strutturale di prodotti alimentari equivalenti a 171.756 pasti/anno avviata l’anno scorso.

Saranno le reti distrettuali che si sono costituite nell’ambito del progetto “Un piatto per tutti”, formate da Empori Solidali, associazioni del Terzo settore e Caritas ad occuparsi della distribuzione della pasta. Il coordinamento logistico è affidato a VOLABO – Centro Servizi per il Volontariato che, insieme a Città metropolitana di Bologna, Comune di Bologna, Comuni e Unioni dell’area metropolitana, ha contribuito al rafforzamento e alla costruzione di nuove reti territoriali e relazioni con le associazioni che si occupano della distribuzione di beni di prima necessità.

Lo spazio necessario per lo smistamento dei beni alimentari è stato gentilmente messo a disposizione da Estragon, mentre il trasporto è stato garantito dalla Fondazione Banco Alimentare.

“Ringraziamo ancora una volta Granarolo – ha sottolineato Sara Accorsi, consigliera delegata al Welfare metropolitano e lotta alla povertà – per la preziosa collaborazione e tutti i soggetti che hanno dato il loro contributo alla realizzazione del progetto, in primis VOLABO per l’azione di coordinamento. Il valore aggiunto del Progetto Un Piatto per Tutti è proprio la creazione di sinergie tra soggetti anche molto diversi tra loro, tra pubblico e privato, che rendono possibile fornire una risposta capillare alle sempre maggiori difficoltà dei nuclei familiari del territorio metropolitano, messi a dura prova dall’inflazione e dal caro energia”.

 

Articolo precedenteCsm, Mattarella “A Pinelli il compito di favorire la coesione”
Articolo successivoBorsa schermata e violenze per depredare supermercato: arrestato a Reggio Emilia