La Città metropolitana di Bologna non intende aderire allo stralcio automatico delle cartelle fino a 1.000 euro dal 2000 al 2015 prevista dalla Legge di Bilancio (legge 29 dicembre 2022, n. 197). La decisione è stata approvata dal Consiglio metropolitano nella seduta di oggi con 13 voti favorevoli (Centro sinistra) e quattro contrari (Uniti per l’alternativa e Alleanza metropolitana).

I carichi complessivamente iscritti a ruolo per gli anni 2000-2015 ammontano a 4.066.782,04 euro comprensivi di sanzioni e interessi, di cui più del 50% di importo superiore ai 1.000 euro e pertanto esclusi dalla definizione agevolata. I carichi di importo inferiore a 1.000 euro ammontano a 1.404.069,42 euro, di cui stralciabili 229.612,70 euro.

A determinare il voto dell’Aula, la convinzione che l’introduzione della misura in questione determinerebbe una disparità di trattamento tra i soggetti debitori, in danno a chi abbia correttamente e tempestivamente adempiuto ai propri obblighi di pagamento. Contrasterebbe inoltre con i principi di equità e parità di trattamento che sono tra i principi ispiratori dell’Amministrazione metropolitana. La stessa misura, inoltre, potrebbe comportare l’effetto di disincentivare i pagamenti, con conseguenti pesanti e sistematiche ricadute sul buon andamento dell’attività di riscossione.

L’adozione da parte della Città metropolitana di Bologna della delibera di non accoglimento dello “stralcio parziale”, consente comunque al debitore di ottenere i medesimi benefici, in termini di stralcio delle sanzioni e interessi, attraverso l’adesione alla definizione agevolata dei carichi affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022, disciplinata dal comma 231 della stessa legge, che prevede l’annullamento della cartella subordinatamente al pagamento della quota capitale, oltre che delle spese di notifica e delle eventuali spese sostenute per le procedure esecutive, anche con rateizzazione del capitale e delle spese previste in un massimo di 18 rate, con due rate da corrispondere nel 2023 e quattro rate da corrispondere ogni anno, a decorrere dal 2024.

Per tutte queste motivazioni il Consiglio metropolitano ha deliberato la non applicazione dello stralcio parziale dei carichi prevista della Legge di Bilancio.

Articolo precedenteBanca del Fucino, accordo con Lime per gli spostamenti “green” in città
Articolo successivoMolestie al Corni di Modena, insegnante sospesa