Entrerà in funzione venerdì 31 marzo il parcheggio P1 a servizio della Stazione Av Mediopadana, ovvero la prima area di sosta per chi proviene da via Gramsci. E’ l’ultimo ad aprire al pubblico, in ordine di tempo, ed ha una capienza di oltre 600 posti. La dotazione per la Stazione raggiunge così la configurazione definitiva, comprensiva del parcheggio P2, attivato lo scorso gennaio, e del parcheggio di Terminal One: in totale oltre 2.400 posti auto.

I parcheggi P1 e P2, di proprietà comunale, sono dotati di videosorveglianza e vigilanza notturna. E’ stata inoltre completamente rifatta e potenziata l’illuminazione pubblica, quale ulteriore deterrente per furti e azioni vandaliche. Sono infine stati messi a dimora oltre 350 alberi per assicurare una adeguata ombreggiatura ai veicoli in sosta e mitigarne la presenza.

 

LA PRIMA ORA GRATUITA – Nei parcheggi P1 e P2, gestiti dal Comune di Reggio Emilia, è garantita una franchigia gratuita di un ora al fine di favorire il carico e scarico dei passeggeri a supporto della “corsia kiss&ride” che permette l’accompagnamento dei viaggiatori presso la grande pensilina di accesso, in corrispondenza della hall principale.

Il costo della sosta è pari ad 1,5 euro/ora per un massimo di 7 euro al giorno. E’ inoltre possibile fare abbonamenti mensili dal costo di 70 euro/mese, scontati a 40 euro/mese per pendolari con abbonamenti Av (Trenitalia o carnet Italo).

Tutte le informazioni sono reperibili sul www.mediopadanapark.it o tramite l’app “Mediopadana Park” attraverso la quale è possibile: prenotare i posti auto, pagare la sosta senza passare dalle casse automatiche, controllare la disponibilità in tempo reale di posti liberi.

 

Nuova hall di ingresso sul lato Est – Proseguono, nel frattempo, i lavori di completamento dell’accessibilità della Campata est della Stazione Av Mediopadana comprendenti un nuovo atrio di ingresso, l’area biglietteria, servizi igienici, scale mobili e ascensori. L’importo complessivo dei lavori, finanziati da Rete ferroviaria italiana (Rfi), è pari a 3 milioni di euro. L’intervento terminerà entro l’estate.

Oltre alla nuova hall di ingresso sul lato est sono previste, su entrambi i fronti, opere di completamento degli ambienti della Stazione presenti nel sotto-viadotto al piano terra, su circa 3.000 metri, per un investimento complessivo, sostenuto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, pari ad ulteriori 8 milioni di euro. La realizzazione è programmata a partire dal secondo semestre del 2023 e prevede la realizzazione di spazi che potranno avere varie funzioni per i clienti e per la città: bar, ristorazione, farmacia, servizi per gli automobilisti, luoghi di incontro. Ulteriori spazi saranno destinati ai servizi al territorio, pensati come vetrina delle eccellenze del settore produttivo, culturale e creativo dell’Area vasta: dalla meccanica alla moda, dall’agroalimentare all’educazione, dalla cultura al turismo.

 

IL FUTURO DELLA STAZIONE AV MEDIOPADANA – Grazie agli interventi in corso e futuri, il cui importo complessivo è di oltre 27 milioni di euro dal 2019 ad oggi, in parte finanziati da privati, in parte da Comune di Reggio Emilia, Rfi e il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stata garantita una risposta definitiva al tema della sosta – passando dai circa 600 posti del 2019 agli attuali 2.400 – ed ora, grazie ai nuovi servizi che varranno realizzati, la Stazione Av Mediopadana potrà fare un ulteriore salto di qualità in termini di funzionalità ed attrattività, in favore dell’intero bacino mediopadano.

L’obiettivo, anche per il futuro, è quello di investire ulteriormente sull’accessibilità, sia locale da e verso il centro storico, sia di Area vasta, accrescendo il ruolo di hub intermodale grazie alla vicinanza dell’autostrada e della ferrovia regionale, prevedendo un ulteriore significativo aumento del numero dei treni, oggi pari a circa 80 al giorno e aumentati del 50% rispetto al 2018, in una logica di “metropolitana veloce” in grado di collegare rapidamente i principali centri economici, culturali e amministrativi italiani ed europei.

Articolo precedenteAlberi monumentali. Apre il bando per la tutela e la conservazione dei giganti verdi dell’Emilia-Romagna: 600 quelli già censiti, 30 le nuove segnalazioni per entrare nell’elenco regionale
Articolo successivoVezzano sul Crostolo si prepara alla tariffa puntuale