E’ rivolto a bambini tra i 6 e gli 11 anni che stanno vivendo la separazione dei genitori, più o meno recente, il nuovo percorso pensato dal Centro per le famiglie dell’Unione Tresinaro Secchia. Quattro incontri di gruppo, coordinati da mediatrici familiari qualificate, perché i bambini – attraverso attività di parola, disegno, gioco e animazione – possano dare un significato all’esperienza della separazione e trovare insieme nuove modalità per farvi fronte.

“Si tratta di quattro incontri di due ore a cadenza settimanale per gruppi da minimo 5, massimo di 8 bambini che, oltre a fare merenda, potranno porre domande, esprimere sentimenti, dubbi o preoccupazioni, rinforzare l’autostima, trovare una rete di scambio e di sostegno tra pari, con l’obiettivo anche di favorire la comunicazione con i genitori e un adattamento più sereno alla riorganizzazione familiare e ai cambiamenti – spiegano Maria Josè Calvo e Anna Corsi, le due mediatrice familiari che condurranno il corso – La seconda ora dell’ultimo incontro sarà aperta anche ai genitori che, a conclusione del percorso, potranno chiedere un colloquio per condividere osservazioni e riflessioni sulla situazione familiare e sul proprio figlio”.

La partecipazione al gruppo di parola – per la quale è necessario il consenso di entrambi i genitori – è gratuita ed è riservata ai residenti nei comuni dell’Unione Tresinaro Secchia (Baiso, Casalgrande, Castellarano, Rubiera, Scandiano e Viano) previa iscrizione dopo un colloquio preliminare con il Centro per le famiglie, da concordare telefonando al numero 0522/985903 o inviando una mail a centrofamiglie@ssu.tresinarosecchia.it.

I quattro incontri si terranno per 4 lunedì consecutivi il 15, 22 e 29 maggio ed il 5 giugno, dalle 14 alle 16, nella sede del Centro per le famiglie, in via Fogliani 7 a Scandiano (ex Palazzina Lodesani). L’iscrizione deve avvenire entro il 5 maggio.

Articolo precedenteFurto nella notte all’interno di un negozio di forniture agricole di Reggio Emilia
Articolo successivoMuoviti Muoviti: per la 16^ edizione, il progetto è stato allargato a tutte le classi quarte, con oltre 3.200 bambini coinvolti