La Regione al fianco dei Comuni, delle scuole e delle associazioni sportive per sostenere lo sport sul territorio.

Attraverso due nuovi bandi che stanziano 1,5 milioni di euro, con la disponibilità ad incrementare la dotazione nel corso dell’anno, per finanziare progetti di attività motoria e sportiva ed eventi di carattere locale, regionale e sovraregionale.

E che quest’anno prevedono punteggi aggiuntivi per le iniziative che si svolgono nelle aree colpite dall’alluvione.

“Lo sport è uno straordinario ambito di incontro tra le persone, di educazione e di inclusione. E per i più giovani un’occasione di crescita equilibrata, non solo da un punto di vista fisico, per i valori che sa trasmettere- afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini -. Per questo abbiamo voluto essere vicini alle comunità che sono state così duramente colpite dall’alluvione. Anche lo sport può essere un’opportunità per ripartire, recuperando una normalità che in questi giorni sembra purtroppo perduta”.

I due provvedimenti, coordinati dal Capo della segreteria politica della Presidenza, Giammaria Manghi, si rivolgono a Enti sportivi dilettantistici, inclusi gli Enti del Terzo settore, Federazioni sportive, Enti locali e scuole. In entrambi i casi i termini per la presentazione delle domande vanno dalle ore 10 del 14 giugno 2023 alle ore 15 del 14 luglio 2023.

I bandi

Tra i requisiti premianti per la selezione dei progetti anche l’adesione alla Carta etica dello sport, il codice di comportamento proposto dalla Presidenza della Regione e approvato lo sorso anno dall’Assemblea legislativa. Un modo da parte della Regione per promuovere sui campi da gioco rispetto delle regole e degli avversari.

Nel dettaglio il primo bando stanzia 1 milione di euro e si rivolge a Enti sportivi dilettantistici, Federazioni sportive, Enti locali e scuole, per progetti di attività motoria e sportiva biennali finalizzati al miglioramento del benessere fisico, psichico e sociale della persona. Il contributo regionale è costituito da un’agevolazione a fondo perduto, e non può essere superiore ai 15mila euro. I progetti devono essere attivati nel periodo compreso tra il 1^ luglio 2023 e il 30 giugno 2024 ed essere avviati entro il 30 novembre di quest’anno.

Si rivolge invece solo a Enti sportivi dilettantistici e Federazioni sportive, il secondo bando, che mette disposizione 546.700 euro, per eventi sportivi organizzati nel corso del 2023 sul territorio regionale (di valenza locale, regionale e sovraregionale), con la disponibilità della Regione ad incrementare la dotazione nel corso dell’anno. Anche in questo caso l’agevolazione è a fondo perduto e non potrà superare i 15mila euro.

Info: Bandi 2023 — Regione Emilia-Romagna

Articolo precedenteTorna a Correggio da sabato 3 “gARTen”
Articolo successivoEmilia Romagna, rimuovere 200 kg di mozziconi di sigarette per celebrare la Giornata dell’ambiente